Mondiali volley:2° fase e agli Azzurri serve il miracolo Domani c'è la Serbia

Ai Mondiali di volley in corso in Polonia, l'Italia di Berruto, nonostante la sconfitta nell'ultimo turno con gli Stati Uniti, si è qualificata per la seconda fase della manifestazione, ma si porta dietro solo 2 punti. Per sperare di entrare tra le prime sei occorrono almeno quattro successi, ma l'impresa sembra durissima

Domani primo match per gli Azzuri della seconda fase di un Mondiale sinora disastroso

Un cammino durissimo attende l'Italia del volley nella seconda fase del Mondiale polacco. La nazionale italiana è approdata alla seconda fase portandosi in dote solo due punti, ed è in penultima posizione nella classifica di partenza. Gli uomini di Mauro Berruto sono distanziati di 7 punti dalla Polonia, e di cinque dalla Francia. Anche la Serbia ha 4 punti in più della squadra azzurra, che si trova davanti anche l'Iran che ha 5 punti, gli Stati Uniti, che si sono classificati con 4 e l'Argentina che ne ha 3.

Il cammino dell'Italia è pertanto molto difficile, ad iniziare proprio dal primo incontro nel quale la nazionale di Berruto è attesa mercoledì dalla Serbia. Un incontro nel quale il tecnico italiano dovrà anche fare a meno di Ivan Zaytsev, che si è infortunato nella gara contro gli Stati Uniti. I Serbi sono uno dei tradizionali rivali degli Azzurri e le partite contro di loro si sono rivelate sempre molto difficili. Per l'Italia serve un successo per 3 – 0 o 3 – 1 che porterebbe così il gap con la Serbia ad un solo punto, mentre un successo per 3 – 2 od addirittura una sconfitta, ci precluderebbe del tutto il passaggio alla fase finale. L'ultimo incontro giocato in un Mondiale, quello del 2010 a Roma, valeva per la medaglia di bronzo, e purtroppo furono i nostri avversari ad aggiudicarselo.

Il match successivo sarà la sfida ai Polacchi padroni di casa, che possono contare oltre che sulle doti tecniche, sull'appoggio calorosissimo del loro pubblico, in una arena, quella di Lodz che sarà veramente infuocata contro Birarelli e compagni. Per l'Italia si tratterà quasi di una finale ed anche in questo caso occorre un successo netto, visto che uno degli avversari più temibili, l'Iran, nei primi due incontri di questa fase si troverà di fronte due avversarie battibili come Argentina ed Australia, che l'Italia affronterà invece negli ultimi due incontri in programma.

La nazionale di Berruto dovrà dunque compiere un percorso netto e sperare anche in un passo falso di Iran ed Usa, affrontate nella prima fase, per ottenere un posto in classifica che la qualifichi alla fase successiva. Un impegno che la nazionale italiana potrà superare solo se saprà ritornare velocemente sui suoi migliori standard di gioco, visto anche l'infortunio di Zaytsev. Detto che la Polonia con i suoi 9 punti è praticamente già qualificata, e che la Francia ha un cammino abbastanza agevole, visto le avversarie che dovrà affrontare, le squadre sulle quali fare la corsa per l'Italia sono appunto la Serbia, gli Usa e l'Iran. Più facile a dirsi che a farsi...

Italia-Serbia, mercoledì 10 diretta ore 16.40 Raisport1

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.