Montella ritrova la sua Fiorentina: 3-0 al Guingamp

I Viola ritrovano la via della rete e una vittoria fondamentale ai fini della qualificazione. In assenza del miglior Gomez, decidono Vargas, Cuadrado e Bernardeschi

Pizzarro, cervello viola contro il Guingamp

L'avventura dei Viola in questa nuova edizione dell'Europa League è iniziata come meglio non poteva: il match coi Francesi del Guingamp, per cui essere arrivati alla fase a gironi è già un successo, ha infatti visto la squadra di Montella trionfare per 3 a 0 e centrare così non solo una vittoria che le consente di issarsi in testa al proprio raggruppamento (seppur in coabitazione coi greci del Paok), ma anche di festeggiare la prima affermazione in gare ufficiali e i primi goal importanti, visto che nelle prime due uscite, quelle che hanno visto Gomez e compagni impegnati in campionato, erano arrivati una sconfitta (2 a 0 a Roma) e un pari (0 a 0 contro il Genoa), che avevano palesato difficoltà nel creare e concretizzare le occasioni da goal.

Stasera la musica è stata totalmente diversa e Montella può senza dubbio essere soddisfatto, anche se l'avversario non era certo di quelli impossibili. Sugli scudi, nel bel match giocato da tutta la squadra, ci sono sicuramente l'eterno Pizarro e Cuadrado. L'avvio della partita è stato vibrante, con tre capolvigimenti di fronte nei primi due minuti. All'8° Gomez ha staccato di testa su cross di Tomovic, ma il portiere transalpino ha sventato la minaccia smanacciando coi pugni il pallone. Dopo questa occasione la Fiorentina ha tenuto bassi i ritmi, pensando più a non far avvicinare gli avversari alla propria area di rigore che a cercare il goal del vantaggio. Per la verità i Francesi non ci hanno mai provato con troppa convinzione e questo ha reso la prima parte del match abbastanza bloccata e noiosa, come testimonia la totale assenza di occasioni da rete. La Fiorentina però, alla metà del primo tempo, ha capito che i Transalpini non avevano nessuna intenzione di attaccare e allora Pizarro ha acceso la luce con un cross per Cuadrado sulla destra, con il Colombiano che ha provato un pallonetto che Samassa ha neutralizzato senza troppi problemi. Tuttavia è bastato questo blando tentativo per mettere pressione al Guingamp e al 34° è arrivato il goal del vantaggio toscano. Pizarro lancia col contagiri Kurtic, che crossa perfettamente per Vargas, che schiaccia di testa e regala l'1 a 0 a Montella. Al 38° il match ha avuto la svolta probabilmente decisiva, perchè Diallo, che pochi minuti prima si era visto ammonire per un colpo al volto dato a Vargas, si è fatto espellere per aver commesso un altro fallo, anche questo molto duro, ai danni di Pizarro: per l'arbitro è stato inevitabile ammonirlo nuovamente e mandarlo così anticipatamente sotto la doccia.

Nella ripresa la partita è diventata tutta in discesa per i ragazzi di Montella, con i Francesi arroccati in difesa e pericolosi una sola volta in tutti i 45 minuti della seconda frazione. Era il al 64° quando Beauveau ha provato un destro dal limite su cui Tatarusanu si è guadagnato un buon voto in pagella compiendo un grande intervento. I padroni di casa hanno avuto ancora in Pizarro l'uomo in più: prima ha impegnato Samassa dalla distanza (61°) e poi al 67° ha trovato Cuadrado sul filo dell'off-side e il Colombiano non si è fatto pregare due volte per insaccare il pallone del 2 a 0. Nel finale la Fiorentina ha fatto girar palla e c'è stata gloria anche per il giovane Bernardeschi, che all'88° ha trovato il 3 a 0 con un bellissimo destro con cui ha concretizzato al massimo l'assist dell'ex Manchester City Richards.

Importante vittoria per i Viola che, se non risolve tutti i problemi di Montella in una sola sera, consegna alla Fiorentina il primato nel girone e restituisce morale ad un ambiente depresso dopo le ultime uscite, in attesa che Gomez riprenda a fare il Gomez.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.