Sport

Napoli e Dea, come corrono. Arbitri strambi ma non Maria

Napoli e Dea, come corrono. Arbitri strambi ma non Maria

Atalanta e Napoli proseguono la loro storia di coppia in testa, se Spalletti è una sorpresa per la qualità del gioco, Gasperini ha cambiato totalmente l'identikit dei bergamaschi ma i risultati sono superiori al previsto. Un paio di notizie da Torino, la Juventus ha vinto segnando addirittura tre gol ma la novità riguarda la contestazione di una ciurma che ha urlato di tutto davanti al JHotel, insultando Bonucci, Allegri e i dirigenti, roba mai sentita o vista nelle recenti stagioni bianconere. Va da sé che la vittoria, doverosa, è un buon vaccino dopo Monza e in vista degli israeliani del Maccabi ma il vero controllo medico sarà effettuato sabato pomeriggio contro il Milan a San Siro. Domenica stramba per gli arbitri: come sostenuto, non è importante il sesso del giudice ma la sua competenza e capacità di azione. Così Maria Sole Ferrieri Caputi ha diretto con rigore, in tutti i sensi, Sassuolo-Salernitana, nonostante gli strilli volgari della curva campana, non lo stesso si può dire di altri sodali suoi, a Genova gran gol di Caprari con Gytkjaer nella posizione Bonucci contro la Salernitana ma qui Giovanni Ayroldi e la sua orchestra non hanno controllato telecamere, accese o spente, dunque zitti e palla al centro. Poi Massimiliano Irrati, in Atalanta-Fiorentina, prima ha punito con il rosso Kouamé per un intervento a gamba tesa, poi, richiamato al video dai colleghi di Lissone (città brianzola che si affolla nei week end con l'allegra comitiva dei varisti) ha ammesso l'errore ma non ha nemmeno ammonito, per oblio o errore, l'attaccante fiorentino comunque reo di gioco pericoloso. Per la cronaca il suddetto arbitro rappresenterà l'Italia in Qatar, proprio come addetto al Var insieme con Valeri mentre sarà Orsato a fischiare in campo. La farsa continua. C'è tempo per migliorare. Io dico peggiorare. A proposito: peggio di tutto e di tutti, Giampaolo, l'allenatore, dopo la sconfitta pesante con il Monza, gli è stato recapitato il panettone natalizio e la lettera di licenziamento, l'ottava da record della sua carriera. Segnalo che la Sampdoria, con lui in panchina, aveva finora ottenuto soltanto due punti, contro Lazio e Juventus. Altre novità?

Commenti