Falli di mano nel calcio? Adesso cambia tutto. Quando il gol è valido

L'Ifab ha deciso che dal 1 luglio entrerà in vigore una nuova norma relativamente ai falli di mano. Sarà da considerarsi punibile solo il tocco volontario con braccia e mani

Falli di mano nel calcio? Adesso cambia tutto. Quando il gol è valido

Dal 1 luglio 2021 cambieranno ancora una volta le regole relative al fallo di mano. L'Ifab (International Football Association Board), ovvero l'organo che stabilisce qualsiasi modifica e innovazione delle regole del gioco del calcio a livello internazionale, ha deciso di cambiare l'interpretazione relativa a questa circostanza di gioco che tanto fa discutere. La nuova regola stabilisce dunque che è fallo di mano solo se si colpisce la palla volontariamente: ad esempio muovendo la mano o l'intero braccio in direzione della sfera. Se invece il tocco è accidentale il gol segnato risulterà valido.

I falli di mano hanno sempre generato diverse discussioni e quest'anno anche in Serie A ci sono state diversi calci di rigore concessi per falli di mano involontari. Tre su tutti i rigori concessi a Milan, Inter e Sampdoria per i falli di mano involontari commessi da Jakub ankto, Morten Thorsby e Nicolò Barella. L'interpretazione sui falli di mano non è sempre stata coerente a causa di applicazioni errate del regolamento con i membri dell'Ifab che hanno confermato come non per forza ogni tocco di mano o di braccio sia per forza da punire.

Come detto queste modifiche entreranno ufficialmente in vigore a partire dal 1 luglio ma nulla vieta alle varie federazioni di introdurle prima dimostrando una certa flessibilità nell'interpretazione della norma. In Serie A, in questa stagione, diverse volte sono stati annullati gol che avevano visto un precedente tocco di mano, anche involontario, da parte del calciatore stesso che aveva realizzato la rete o da parte di un compagno di squadra. Con questa nuova regola l'arbitro avrà modo, anche tramite il Var, di dare la sua interpretazione considerando l'involontarietà dell'intervento. Di certo la questione rigori subirà un nuovo ribaltone dato che se non si tratterà di falli evidenti e volontari il direttore di gara sarà tenuto a far proseguire l'azione lasciando correre.

Cinque cambi

Non solo, perché l'Ifab ha dato anche il via libera all'utilizzo delle cinque sostituzioni per la Coppa del mondo del 2022 in Qatar. Questa scelta è stata presa per venire incontro alle squadre dato che la pandemia da coronavirus che ha investito il mondo intero ha di fatto congestionato il calendario rendendo più dura la stagione dei calciatori. Attualmente la regola dura fino a luglio 2022 per le competizioni per squadre nazionali, ma l'Ifab ha affermato che resterà in fase di revisione.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti