La profezia di Braida: "So chi vincerà lo Scudetto..."

L'ex dirigente rossonero ha pronosticato il Milan come vincitore dello scudetto, grazie al grande lavoro svolto da Maldini e dall'allenatore Pioli

La profezia di Braida: "So chi vincerà lo Scudetto..."

"Penso che il Milan vincerà il campionato. Paolo Maldini ha fatto un ottimo lavoro. Zlatan Ibrahimovic sarà ancora decisivo anche se il tempo passa per tutti". Sono le parole dell'ex dirigente rossonero Ariedo Braida, rilasciate a "La politica nel pallone" su Rai Gr Parlamento.

Più di venti anni trascorsi al Milan di Berlusconi, dove è stato uno degli artefici principali delle grandi vittorie rossonere successi, da braccio operativo di Adriano Galliani. Dopo una parentesi da dirigente del Barcellona, incaricato delle trattative internazionali, dalla fine del 2020 è diventato direttore generale della Cremonese, attualmente in lotta per la promozione in Serie A. Un legame con il club rossonero ancora vivo, d'altronde pochi come Braida conoscono gli affari di casa Milan.

Nel corso di un’intervista concessa a "La politica nel pallone" su Rai Gr Parlamento, Braida si è espresso sul Milan attuale e sul lavoro svolto da Pioli con queste dichiarazioni "Penso che il Milan vincerà il campionato. Paolo Maldini ha fatto un ottimo lavoro, riuscendo a coniugare nella squadra giocatori giovani con giocatori d'esperienza. Zlatan Ibrahimovic sarà ancora decisivo anche se il tempo passa per tutti e lui ora ha spesso acciacchi. Stefano Pioli ha fatto un grande lavoro e sono convinto che continuare con lo stesso tecnico è importante, perché ogni volta che si cambia allenatore bisogna cominciare da capo". Poi si è poi soffermato sul rinnovo di contratto di Stefano Pioli, oggetto di numerose discussioni negli ultimi giorni: "Sarebbe giusto fare subito il prolungamento del contratto a Pioli, per dare certezze alla squadra e a tutto l’ambiente".

A questo proposito non sembra esserci alcun dubbio sulla permanenza dell'allenatore emiliano sulla panchina del Milan. Il contratto del tecnico emiliano è infatti in scadenza nel 2022 ma nell'accordo attuale è prevista già una clausola che permette al club di prolungare unilateralmente fino a giugno 2023, ma è probabile che le parti si incontrino per stipulare comunque un’intesa diversa. La società è intenzionata a premiare Pioli con il prolungamento di contratto e il ritocco dell'ingaggio, visto l’ottimo lavoro svolto finora. L'argomento, comunque, verrà affrontato con calma. Il club insieme alla squadra è concentrato sulle prossime sfide, l'impegno casalingo con l'Hellas Verona e soprattutto la trasferta di Oporto di martedì19 ottobre, decisiva per la qualificazione agli ottavi di Champions.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti