La proposta di Bassetti: "Vaccinare i giocatori". E scoppia la polemica

Matteo Bassetti ha sganciato la bomba sui social network: "Faccio un esempio: se si vaccinasse Cristiano Ronaldo un campione assoluto e amatissimo, chissà quanti tifosi seguirebbero l’esempio"

La proposta di Bassetti: "Vaccinare i giocatori". E scoppia la polemica

"Vacciniamo tutti i giocatori di serie A ( che sono meno di 600...) quando ci saranno le dosi", inizia così il post su il Instagram del professero Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova. Bassetti ha dato la sua opinione in merito alla vaccinazione anti-covid per tutti i tesserati del massimo campionato di Serie A ed è entrato nello specifico: "Penso che adottare questa soluzione sia intelligente per tre motivi. Eviterebbe cluster che poi possono avere ripercussioni con il mondo che circonda ogni calciatore, si escluderebbero problemi al campionato con il rischio di rinvio di partite o peggio di interruzioni del campionato e si darebbe un segnale preciso agli scettici, cioè coloro che hanno dubbi sul vaccinarsi, con un esempio dato da chi ha un grande potere comunicativo e una profonda influenza su uno sterminato numero di persone".

Calciatori da esempio

Il post di Bassetti si è poi concluso con un esempio concreto che ha sollevato un polverone sui social network: "Faccio un esempio: se si vaccinasse Cristiano Ronaldo un campione assoluto e amatissimo, chissà quanti tifosi seguirebbero l’esempio… ovviamente la priorità restano gli anziani e i fragili in prima battuta, ma per fare tutto questo occorrono molti vaccini", la conclusione del professore.

La precisazione

Bassetti ha ricevuto diverse critiche per questa sua proposta/idea e poco dopo ha pubblicato un altro post con una doverosa precisazione: "La mia proposta di vaccinare i giocatori di serie A, che sono in tutto 555, voleva essere un messaggio per chi è ancora scettico ( e ahimè sono tanti) e utile per evitare molti problemi di contagio nelle squadre che sono all’ordine del giorno. Quindi mi spiace aver urtato la sensibilità di chi giustamente sta aspettando il vaccino da chi avrebbe già dovuto fornirglielo. Chiunque ha diritto al vaccino a ogni eta’ e situazione e io mi sto battendo per questo. Solo vaccinandoci tutti potremo vincere la battaglia".

La polemica

Il post di Bassetti ha scatenato l'ira di tanti utenti che hanno commentato ironicamente la proposta del professore: "I calciatori, “lavoratori “ essenziali", "Ai giocatori nom serve si vive anche senza calcio , caro dottore .
Io sono al ospedale Versilia e alla gente qui ricoverata delle partite nn frega niente", "Ma sei serio?", e ancora "Ma.sta scherzando???dovete vaccinare la gente che lavora" e tanti altri commenti di questo tenore in risposta all'idea di Bassetti.

Tanti contagi

Fino a questo momento in Serie A ci sono stati diversi contagi tra i calciatori tra marzo 2020 e oggi. Genoa-Torino ha subito un rinvio viste le ingenti positività tra le fila dei rossoblù e anche Torino-Sassuolo e Lazio-Torino (con tanto di polemiche) sono state rinviate per lo stesso motivo. Juventus-Napoli resta poi la pietra dello scandalo e finalmente dopo tanto parlare la sfida si giocherà regolarmente mercoledì 17 marzo alle ore 18:45. La proposta di Bassetti ha dunque agitato gli animi sui social ma non è detto che possa essere presa in considerazione in via privata dalle rispettive società.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti