Il vero errore di Donnarumma: cosa fa un istante prima del tiro

Continua il periodo nero dell'ex portiere del Milan, sorpreso dalla conclusione di Trajkovski in pieno recupero

Il vero errore di Donnarumma: cosa fa un istante prima del tiro

Un'altra notte da dimenticare per Gigio Donnarumma. Il portiere azzurro non è riuscito ad intercettare il tiro di Trajkovski in pieno recupero, il gol che ha sancito la mancata qualificazione dell'Italia a Qatar 2022.

Adesso l'Europeo vinto con la maglia azzurra sembra davvero un lontano ricordo. La staffetta con Keylor Navas, costante di una stagione travagliatissima, ha evidentemente fatto perdere sicurezza all'ex portiere del Milan, finito nel mirino della critica per numerosi errori, tra cui il pasticcio su Benzema che ha dato il via alla rimonta del Real Madrid contro il Psg.

L'Italia poteva rappresentare un'occasione di rilancio ma così non è stato per Gigio, capitolato insieme ai compagni di reparto praticamente nell'unica occasione avuta dalla Macedonia del Nord. Momenti della partita che per tanto tempo lasceranno il segno sul morale degli Azzurri. Il cronometro segna un minuto e mezzo oltre il 90° quando il portiere macedone rilancia la palla in avanti, Miovski vince il contrasto con Bastoni e la allunga di testa. Trajkovski riceve palla indisturbato. Jorginho corricchia ma non fa nulla per contrastarlo. A quel punto Chiellini ed Emerson Palmieri provano a fare opposizione. Gli vanno incontro ma non fanno in tempo e il tacco del difensore italo-brasiliano è solo un movimento inutile.

L'ex palermitano Trajkovski scocca il tiro, Donnarumma non ci arriva ed è costretto a raccogliere il pallone in fondo al sacco. Ebbene quali sono le colpe di Gigio sul gol? Non si tratta chiaramente di un chiarissimo errore ma è evidente che da un portiere come lui ci si aspetti ben altro. Sono solo sue o di tutto il reparto? Di sicuro no ma appaiono come più vistose per un motivo. Basta dare un'occhiata allo sviluppo dell'azione per comprendere come fosse posizionato male e quanto gli sia costato in termini di equilibrio, stacco e reattività trovarsi nel posto sbagliato. Azionandoil rewind e portando la sequenza del videoclip agli istanti che precedono la conclusione, tutto sembra più chiaro.

Sulla destra dello schermo, mentre l'azione si dirige verso l'area di rigore dell'Italia, all'altezza del dischetto compare la sagoma di Donnarumma. È troppo avanti, se ne accorge tardi e prova a guadagnare subito la posizione migliore rispetto a quella di partenza. Forse nemmeno immaginava che Trajkovski avrebbe beneficiato di tutto quello spazio. Fa qualche passo all'indietro e cerca l'appoggio giusto per sistemarsi sulla traiettoria di tiro. Perde attimi fatali e non è in grado di darsi in tempo abbastanza slancio per opporsi alla conclusione da almeno 25 metri dall'ex rosanero. Per l'Italia è notte fonda, per Donnarumma l'ennesima conferma di una stagione da dimenticare.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti