Quartararo vola e prova la penitenza, Bagnaia fatica

L'iridato Yamaha simula in pista il long lap penalty ricevuto per la manovra di Assen. Pecco 11°

Quartararo vola e prova la penitenza, Bagnaia fatica

La MotoGP riparte dall'Inghilterra per la seconda parte della stagione regalando nuove conferme. Dopo cinque settimane di vacanza, infatti, niente sembra cambiato. Il campione in carica e leader del mondiale, Fabio Quartararo, vola nella prima giornata di prove libere sullo storico circuito di Silverstone. Il francesino della Yamaha dal sangue italiano si conferma il più veloce e si permette pure di provare il «long lap penalty», la penalità che dovrà scontare domenica in gara per la manovra di Assen in cui aveva danneggiato l'Aprilia di Espargaro. Dietro la sua M1, la Suzuki di Mir, poi l'Aprilia di Viñales e la Ducati di Zarco, seguito a ruota dall'altra Aprilia, quella di Aleix Espargaro, 2° in campionato a soli 21 punti dalla testa.

«Per la prima volta ho fatto tanta fatica all'inizio delle prove», ha dichiarato Quartararo, il solo a girare in 1'58 alto (1'58.946 il suo miglior tempo). «Ho sentito il lungo stop, e forse ancora i postumi della caduta sulla spalla». Della sua penalità dovranno approfittare i diretti rivali. In primis Espargaro. La sua velocità e solida regolarità sono ormai una conferma e lo spagnolo dell'Aprilia rivendica in pista il ruolo di principale title contender. All'appello manca invece Bagnaia, 11°, che ha iniziato il turno con una gomma media con cui non ha trovato un buon feeling, sensazione che non è migliorata molto neppure con la soft, ritrovandosi al momento fuori dalla Q2 provvisoria per soli 7 millesimi. Meglio di lui i compagni di marca Bastianini, 8°, Miller, 9°, e Bezzecchi, 10°. Con i primi 12 piloti racchiusi in meno di mezzo secondo, la competitività ma anche l'equilibrio della MotoGP di oggi è un'altra conferma, ma certo è che a Pecco non sarà permesso indugiare, se vuol chiudere il gap di 66 punti che lo separano dalla testa. In tv: pole MotoGp 15,10 (17,30 TV8), domani Gp alle 14 (17,05 diff.).

Commenti