Roma-Palermo, rosanero la spuntano al fotofinish

Nonostante i ritmi da fine stagione, i rosanero riescono a spuntarla all'ultimo contro i giallorossi

Roma-Palermo, rosanero la spuntano al fotofinish

Con i rispettivi obiettivi stagionali messi in cassaforte (il secondo posto per gli uni, una comoda salvezza per gli altri), Roma e Palermo non hanno dato grande spettacolo all'Olimpico nell'ultima giornata di campionato. Vincono i rosanero per 2-1 con il gol al fotofinish di Belotti soprattutto per demerito dei giallorossi, che pagano l'euforia per il derby vinto con la Lazio e non approcciano con la giusta testa. Meglio allora il Palermo, che saluta con una prova ben augurante per il futuro ed un undicesimo posto in classifica più che lusinghiero.La Roma recupera il rigore di Vazquez solo grazie all'ennesima prodezza di Totti, un lob sopraffino nel finale che però non serve ai capitolini ad evitare il secondo ko stagionale casalingo. Senza lo squalificato Torosidis e gli indisponibili Castan, Gervinho, Strootman, Keita e Maicon, Garcia regala un'ultima passarella a Balzaretti e Spolli, infilando Ucan in mezzo al campo e schierando nel tridente Totti, Ljajic e Doumbia.

Privo degli indisponibili Bolzoni, Makienok e Morganella, Iachini risparmia lo "juventino" Dybala, schierando Belotti di punta sostenuto da Vazquez. I ritmi di gioco sono ovviamente da fine stagione, la Roma non riesce a carburare ed il Palermo ha vita facile nello spegnere le iniziative avversarie e nel proporsi in avanti. Latitano le emozioni e la prima chance dell'incontro è dei rosanero: al 20' Maresca, su angolo di Vazquez, incorna di potenza trovando pronto Skorupski. Al 29' Jajalo prova a spaventare la Sud con una botta da fuori di poco sopra la traversa. Insomma, più Palermo che Roma, tant'è che sono i siciliani a passare in vantaggio. Al 35' Nasca punisce con il rigore un tocco di mano in area di Spolli, Vazquez si incarica della battuta e non fallisce l'appuntamento con il suo decimo gol in campionato. Fuori Paredes per Nainggolan ma, prima dell'intervallo, la Roma produce pressochè nulla. Giallorossi più aggressivi in avvio di ripresa con un paio di incursioni di Florenzi, spazio a Pjanic e al baby Emerson ma è Quaison, al 17', a sprecare in contropiede un assist al bacio dell'ispirato Vazquez. Un Doumbia fischiatissimo lascia il posto a Iturbe, entrato invece nel cuore dei tifosi giallorossi dopo il derby. Il Palermo però non si lascia influenzare e, al 25', è Belotti a svirgolare un ottimo pallone sotto porta. Chi invece non fallisce l'unica occasione per lasciare il segno è Francesco Totti. Il capitano, al 40', raccoglie l'invito intelligente di Nainggolan e punisce Sorrentino con uno dei suoi pezzi forti del repertorio: il cucchiaio. Per il numero 10 è il gol numero 299 con la maglia della Roma, una perla che ripaga il pubblico di casa di un match dei giallorossi non certo brillante.Nel recupero, dopo un'inzuccata poco convinta di Pjanic, Vazquez ci prova ancora da fuori ma la mira non è delle migliori. Poi, ancora il bosniaco dalla distanza e una volee di Belotti che, per intenzione, avrebbe meritato miglior sorte. Il bomber isolano però si prende una bella rivincita all'ultimo secondo, mettendo in rete da posizione dubbia il 2-1 che vale per i siciliani una vittoria di prestigio.

Commenti