Schick-Roma, Codacons fa esposto alla Consob: "Conti club a rischio"

L'associazione dei consumatori presenta un esposto alla Consob dopo l'acquisto da parte della Roma dell'attaccante Schick: "Verificare i conti del club"

Non c'è pace per Patrik Schick. La telenovela che lo ha visto protagonista per tutta l'estate fino alla sua cessione alla Roma per 40 milioni di euro, si arricchisce di un nuovo capitolo. Il Codacons, l'associazione dei consumatori, ha annunciato che a breve presenterà un esposto alla Consob avente per oggetto l'acquisto da parte del club giallorosso dell'ex calciatore della Sampdoria.

Secondo le indiscrezioni riportate dalla stampa (la Roma, quotata in borsa, non ha ancora emesso un comunicato ufficiale ai sensi del regolamento Consob), Schick è costato ai giallorossi circa 40 milioni di euro (38 più 2 di bonus): in questo modo, diventerebbe il giocatore del club "più costoso di sempre". L'associazione dei consumatori chiede alla Consob di verificare la solidità del bilancio della società.

L'interesse del Codacons è motivato dall'obbligo statutario di tutelare gli azionisti del club, che possono - eventualmente - rischiare un danno, anche grave, da un investimento di questa entità, soprattutto nel caso in cui il bilancio non fosse sufficientemente florido per affrontarlo e sostenerlo. In ogni caso, l'affare tra Samp e Roma non è da considerarsi a rischio.

Dopo lo svolgimento delle visite mediche e l'ufficializzazione dell'affare, la società giallorossa pubblicherà tutte le cifre sull'acquisto più costoso della sua estate. Una precisione sui numeri a cui la Roma sarà obbligata, essendo una società quotata in borsa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 30/08/2017 - 12:35

Salary Cap e Luxury Tax NBA sono il monte ingaggi e spazio salariale disciplinati dalla Lega. Quindi niente FIGC burocrazia parassitaria e costosissima. Chi mette i soldi dirige. Il sistema permette un'equa distribuzione delle risorse. Oakland non è una megalopoli ma grazie a queste norme può vincere. Da noi europei lo possono fare solo le grandi città/poteri. Le eccezioni sono rare.