"Portiere di m...", "Attaccante di m...". Quelle scintille tra Ibra e Maignan

Mike Maignan ha svelato alcuni aneddoti di quando vestiva la maglia del Psg, nelle giovanili. Dall'alterco con Ibra, allo screzio con Rabiot: ecco chi è il nuovo portiere del Milan

"Portiere di m...", "Attaccante di m...". Quelle scintille tra Ibra e Maignan

Mike Maignan è il nuovo portiere del Milan e andrà di fatto a sostituire Gigio Donnarumma nello scacchiere di Stefano Pioli. Il 25enne transalpino ha vinto la Ligue 1 con il Lille e in questi anni anni ha dimostrato di essere un portiere affidabile, con tante qualità fisiche e tecniche e con personalità da vendere. Intervistato recentemente in televisione il nuovo portiere rossonero si è mostrato spavaldo parlando di alcuni colleghi come Navas, Neuer o Oblak. "Non ho nulla in meno di loro", a testimonianza di come abbia un forte carattere.

L'alterco con Ibra

Maignan è cresciuto nelle giovanili del Psg e ai microfoni di France Football ha raccontato un aneddoto successo con quello che sarà un suo compagno di squadra: Zlatan Ibrahimovic."Anche se non ci sentiamo più da tempo, Zlatan mi piace. È un tipo vero che ti dice le cose in faccia. Ma mi è capitato di rispondergli a tono, anche se all’epoca ero un ragazzino", il racconto di Magic Mike che è poi entrato nello specifico: "Ricordo un allenamento, a 17 anni, al primo anno da professionista. Ibrahimovic calciava pallonate a 400 all’ora, manco dovesse segnare a Buffon o a Julio Cesar".

"Non riuscivo a parare e allora mi dice: 'Sei un portiere di m...", questo il racconto di Maignan parlando del collega svedese. Il giovane portiere delle giovanili del Psg, però, si è poi tolto subito la soddisfazione di rispondere ad un mostro sacro come Ibra: "Subito dopo, però, gli paro un tiro e là non potevo non rispondergli e gli ho detto: 'E tu sei un attaccante di m...'. Sul momento mi ha ignorato, ma poi in spogliatoio mi ha detto che mi apprezzava e ho capito che mi piaceva non solo come giocatore ma anche come persona".

Scintille

Maignan ha avuto anche da ridire con un altro ex Psg, oggi alla Juventus, Adrien Rabiot con il quale è quasi venuto alle mani: "Con Adrien ci siamo quasi menati, la seconda volta che ci siamo visti. Colpa di una battuta che lui ha preso come mancanza di rispetto. È un tipo tranquillo, ma ha un carattere molto forte. Da allora andiamo d'accordo".

Magic Mike, dunque, porterà anche un po' di personalità al Milan, dote fondamentale per un portiere:"Nel calcio si vede di che pasta sei fatto non tanto quando sei al top, ma quando precipiti e ti devi rialzare. Ogni fine settimana sei nel mirino dei fucili della gente che ti osserva, pronta a spararti addosso".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?