Regola Covid, Serie A "stravolta": quando scatta lo 0-3 a tavolino

Contagi da coronavirus in Serie A, ecco la nuova regola per salvare il campionato: la Lega ha deciso di adottare la stessa regola dell'Uefa. In caso di rifiuto dei club pronto lo 0-3 a tavolino

La Lega Serie A dopo un'attenta e ponderata riflessione ha deciso di rinviare il match di sabato alle ore 18 tra il Genoa di Rolando Maran e il Torino di Marco Giampaolo per via delle 15 positività riscontrate tra le fila dei liguri, con 11 giocatori e 4 membri dello staff contagiati. Dopo la riunione di ieri il Consiglio di Lega ha deciso in questa direzione accogliendo l'appello del Genoa che aveva di fatto richiesto, in maniera indiretta, la possibilità di poter rinviare il match di campionato contro i granata per le difficoltà nel poter schierare una squadra titolare.

Le nuove regole

Il timore era quello di non seguire una linea comune e di creare un precedente ma così non è stato dato che nel vertice è stato deciso di adottare la regola Uefa ovvero che si giocherà se ci saranno almeno 12 calciatori di movimento più un portiere. In caso di rifiuto da parte del club in questione, però, scatterà lo 0-3 a tavolino. Altra postilla importante riguarda il "bonus" (una tantum), a disposizione dei club con almeno 10 giocatori positivi che potranno chiedere il rinvio. Il Genoa quindi questa possibilità se l'è giocata e non ne avrà altre da qui a fine stagione. Questa norma, ovviamente, sarà estesa e si applicherà anche in Coppa Italia ma non nelle sfide di semifinale o finale dato che non ci sarebbero più date disponibili per il recupero. Con questa nuova regola il campionato di Serie A dovrebbe essere così "salvo" a meno che di contagi a tappeto incontrollabili.

Il presidente del Torino Urbano Cairo, a margine della presentazione del libro di Gianluca Di Marzio, ha voluto dire la sua in merito a questa nuova regola: "Per quanto mi riguarda sono spettatore. Dico solo che Lega e Figc devono studiare una regola che sia valida per tutti e per tutto il campionato. L’ha già introdotta la Uefa e si è aggiunta la Liga. Credo che andasse fatta prima perché era facile prevedere che con l’autunno situazioni di questo tipo si potessero verificare. Ora c’è bisogno di regole certe per tutti e per tutte le giornate. Anche il Torino ha avuto un positivo prima della gara con l’Atalanta e abbiamo iniziato ad allenarci il giovedì".

Genoa a pezzi e il Napoli incrocia le dita

Il Genoa ha deciso di diramare un comunicato con i 15 nomi dei tesserati risultati positivi al Covid-19 tra cui gli undici calciatori: Francesco Cassata, Lukas Lerager, Federico Marchetti, Filippo Melegoni, Luca Pellegrini, Mattia Perin, Marko Pjaca, Ivan Radovanovic, Lasse Schöne, Davide Zappacosta, Behrami. Il club ha però annunciato la positività al coronavirus dell'attaccante Mattia Destro e forse di altri due tesserati rossoblù. Il Napoli, invece, tra domani e sabato sosterrà altri test approfonditi su tutti i calciatori e membri dello staff per verificare la positività o meno dei suoi tesserati al coronavirus anche perché c'è il rischio, ad oggi poco concreto, di dover rinviare il big match contro la Juventus.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.