Skriniar, Dybala, Bremer: Marotta tra bugie bianche e rassicurazioni ai tifosi

L'ad dell'Inter: "Resteremo competitivi". Milan, stallo per De Ketelaere. Scamacca al West Ham

Skriniar, Dybala, Bremer: Marotta tra bugie bianche e rassicurazioni ai tifosi

Doveva essere il Charles De Ketelaere day e invece la conference call di ieri pomeriggio tra Milan e Bruges ha prodotto l'ennesima fumata grigia. Niente da fare per Maldini che ha offerto ufficialmente da 30 milioni più 2 di bonus per il gioiellino classe 2001. Il club belga, infatti, ha fatto muro dato che non intende scendere dal prezzo fissato di 35 milioni. E così lo stallo continua. Per provare a sbloccarlo nelle prossime ore scenderà in campo l'agente del fantasista, Tom De Mul, che farà presente ai dirigenti belgi la volontà di volare in Serie A. Tradotto: anche se il Leeds ha offerto di più (34 milioni più 3 di bonus), il giocatore vuole andare al Milan con cui ha già un accordo per un quinquennale da 2,5 milioni netti a stagione.

La trattativa dunque resta in piedi, ma il Bruges ha le idee chiare: i rossoneri devono alzare quantomeno i bonus oppure concedere una percentuale sulla futura rivendita. La palla adesso passa in via Aldo Rossi, dove attendono il via libera da Elliott per alzare il tiro e cercare così di chiudere l'affare. In caso di ulteriore fumata nera (Il Milan resta moderatamente fiducioso e lavorerà sul fronte CDK ancora 72 ore...) potrebbe tornare d'attualità il nome di Hakim Ziyech, in uscita dal Chelsea. Lo scoglio in questo caso è rappresentato dall'ingaggio dell'esterno offensivo (6 milioni annui), con lobiettivo di ottenere l'ex Ajax in prestito con diritto di riscatto. Un'operazione sulla falsa riga di quella condotta dall'Inter per Lukaku. Paragone non casuale, visto che Ziyech ha da poco cambiato agente affidandosi a Rock Nations e facendosi assistere dall'avvocato Sebastien Ledure.

A proposito di Inter: vanno registrate le dichiarazioni rilasciate ieri a Dazn da parte di Beppe Marotta. Parole che appaiono come una bugia bianca per quando riguarda la trattativa sfumata per Dybala. Secondo l'amministratore delegato nerazzurro «Non c'era spazio non perché non fosse bravo ma perché non c'era la necessità, poi tutto è stato strumentalizzato e si rischia di fare brutta figura». Peccato che proprio lo stesso Marotta nelle scorse settimane a proposito della Joya avesse detto «Speriamo che Dybala venga a giocare con noi», testimonianza evidente di come l'argentino fosse un obiettivo interista. Legittima poi la scelta non affondare più il colpo dopo l'arrivo di Lukaku, ma altrettanto inverosimile parlare di strumentalizzazioni mediatiche dopo i 4 incontri con l'agente del Diez. E se re Bremer il discorso è chiaro («Abbiamo equilibri da rispettare», poco tranquillizzanti invece le parole su Skriniar: «È un giocatore fortissimo, non necessariamente deve essere messo sul mercato. Nelle scorse settimane abbiamo avuto dei contatti e tutto verrà valutato: il tifoso però deve restare tranquillo perché la squadra sarà sempre competitiva». Della serie dovesse arrivare un'offertona (70 milioni) può partire e verrà sostituito adeguatamente (Milenkovic della Fiorentina resta un nome caldo). Infine Gianluca Scamacca lascia la Serie A: la punta del Sassuolo volerà in Premier League al West Ham per 40 milioni (bonus inclusi) più il 10% sulla futura rivendita. Contratto fino al 2027.

Commenti