La rissa in tv durante Juve-Atalanta: "Non parli da 10 mesi..."

Nel corso della finale di Coppa Italia è stato protagonista di un episodio che non è passato inosservato

La rissa in tv durante Juve-Atalanta: "Non parli da 10 mesi..."

''Non parlavi fino a dieci mesi fa, stai muto...non fare il fenomeno'' sono le parole di Leonardo Bonucci rivolte da bordocampo al difensore dell'Atalanta Cristian Romero. I due si sono incrociati alla Juventus prima che l'argentino venisse ceduto in prestito oneroso con diritto di riscatto all’Atalanta.

La Juventus supera l'Atalanta e conquista la Coppa Italia, il secondo trofeo della gestione targata Andrea Pirlo. Al Mapei Stadium di Reggio Emilia l'agonismo è altissimo e non soltanto tra i ventidue calciatori in campo. Gli animi in panchina si sono subito scaldati già dai primi minuti del primo tempo. Dopo un intervento in area di Romero su Chiesa c'è stata una furiosa reazione da parte di Bonucci, non schierato tra i titolari. Il difensore bianconero da bordo campo se l'è presa con il centrale nerazzurro, attualmente di proprietà della Juve ed in prestito all'Atalanta: "Romero, Romero! Non parlavi fino a dieci mesi fa, stai muto". Secondo il racconto dei bordocampisti Rai gli avrebbe anche urlato:"Non fare il fenomeno". Il difensore argentino reagisce con veemenza indicando con il dito di stare zitto.

La situazione poi torna alla calma e in dieci minuti tra la mezz'ora e la conclusione della prima frazione ci sono i due gol di Kulusevsky e Malinovskyi. Non è stato l'unico momento di nervosismo della partita: anche nel finale di partita dopo l'espulsione di Toloi per proteste Igor Tudor - vice di Pirlo - e Robin Gosens si sono pizzicati a distanza. Episodio scatenante è stato un fallo fischiato a Ilicic su Danilo, inesistente secondo i nerazzurri. Ultimi minuti del match a cui partecipa anche Bonucci, nonostante le precarie condizioni fisiche il difensore dà man forte alla difesa bianconera per conservare la rete di vantaggio.

Nuovi guai per Bonucci?

Nella giornata di ieri il difensore bianconero è finito al centro dell'attenzione anche per vicende extra-calcistiche. Secondo quanto riferito dal Messaggero, la Procura federale potrebbe aprire un fascicolo circa la posizione di Bonucci, per interferenze illegittime per quanto riguarda il tentativo di far cambiare procuratore ad alcuni giocatori indirizzandoli verso il suo agente, Alessandro Lucci. Di recente, la World Soccer Agency ha acquisito le procure di calciatori come Castrovilli, Kulusevski e Scamacca, in aggiunta a Dzeko, Florenzi, De Rossi e, appunto, Bonucci.

Secondo il quotidiano, l'Aiacs (Associazione Italiana Agenti Calciatori e Società) accusa Lucci di essersi servito di Bonucci per mettere in atto "un’attività di disturbo su altri calciatori per indurli a lasciare i loro agenti". Stando all'accusa, Bonucci subissava di messaggi i colleghi, promettendo contratti più remunerativi e perfino un posto in Nazionale. L'esposto relativo a Bonucci sarebbe seguito dal procuratore Giuseppe Chiné, mentre la condotta di Lucci verrebbe affidata alla Commissione federale agenti sportivi.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti