La strana tesi di Buffon: "Con 5-6 punti in più..."

Secondo Buffon la Juventus avrebbe potuto lottare per lo scudetto se non fosse incappata in alcuni incidenti di percorso: "Lo Scudetto mica è passato da chissà quali risultati...". La verità però è un'altra

La strana tesi di Buffon: "Con 5-6 punti in più..."

L'Inter di Antonio Cotne ha vinto lo scudetto di fatto dominando in lungo e in largo il campionato. I nerazzurri hanno conquistato il titolo con 4 giornate d'anticipo e con numeri davvero da record: 27 vittorie totali (e ancora non è finita), 7 pareggi e due sole sconfitte, terzo miglior attacco del campionato con 82 reti realizzate, solo 31 subite e miglior differenza reti in assolute con un gigante +51.

Le ultime due partite contro Juventus e Udinese potrebbero portare l'Inter a quota 94 punti in caso di due successi ma se così non fosse i nerazzurri avrebbero comunque disputato una stagione da record in tutti i sensi. La Juventus è stata abituata per nove anni a dominare ma in questo momento sta subendo un distacco di 16 punti dall'Inter e questo distacco potrebbe anche incrementare da qui a fine campionato.

La strana tesi

Gianluigi Buffon, che a fine stagione lascerà i bianconeri dopo 19 anni di grandi gioie e dolori, ha però dato la sua bizzarra interpretazione circa il distacco accumulato dalla Vecchia Signora nei confronti della vetta. "Lo Scudetto mica è passato da chissà quali risultati: bastava fare cinque punti in più con Benevento e Fiorentina, e li potevi fare, ed eri lì a giocarti il campionato", queste le parole di Gigi ai microfoni di Sky Sport.

Buffon ha poi parlato di Andrea Pirlo:"Aiutare di più Andrea? Se avessimo fatto qualche punto in più sicuramente lo avremmo aiutato, se ne avessimo 6-7 punti in più non ci sarebbe stata questa domanda. Poi fuori dal campo per me è come un fratello, vedete voi quanto possa essermi speso per lui".

In realtà la Juventus ha disputato una delle peggiori stagioni negli ultimi 11 anni. 21 vittorie come la Lazio ma meno di Milan, Napoli, Atalanta e Inter, 35 gol subiti e seconda difesa del torneo, 70 realizzati e quinto attacco della Serie A dietro alle rivali che la precedono in classifica. Tutto questo unito a sei sconfitte di cui tre pesantissime contro Fiorentina, Milan ed Inter e ben 9 pareggi, un'infinità per una squadra come la Juventus. Di certo la tesi bizzarra di Buffon non può trovare accoglimento dato che è riduttivo parlare di 5-6 punti con l'Inter che ha di fatto dominato senza storia il campionato.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

Commenti