Dopo Tavecchio, ora grane anche per Macalli Indagato per abuso di ufficio

Bufera sul mondo del calcio. Il presidente della Lega Pro rinviato a giudizio dalla Procura di Firenze. Le accuse contro di lui sono di abuso di ufficio

Macalli, indagato dalla Procura di Firenze per abuso di ufficio

Per il calcio italiano ed i suoi dirigenti non c’è un attimo di pace. Subito dopo la brutta prestazione del Mondiale sono arrivate le dimissioni di Abete, che hanno reso necessaria l’elezione del nuovo Presidente federale.

Per questo posto sono in corso scaramucce tra i due candidati, Albertini e Tavecchio con il Presidente della Lega Dilettanti che è incorso nella famosa gaffe di "Opti-Poba", che gli ha procurato le accuse di razzismo da parte di molti componenti del mondo del calcio; ora il problema di Macalli, presidente della Lega Pro ed uno dei grandi elettori di Tavecchio. Per Mario Macalli è arrivata un rinvio a giudizio da parte della Procura di Firenze, che lo ritiene responsabile di abuso di ufficio. La vicenda, che si è svolta nel corso del 2012, riguarda il blocco da parte dello stesso Macalli, di un bonifico che avrebbe significato il salvataggio della società Pergocrema dal fallimento. L’inchiesta che ha portato alle accuse contro Macalli è stata seguita dal Magistrato fiorentino Luigi Bocciolini, ed è nata dalla denuncia presentata dal Presidente della società Sergio Briganti.

La Lega Pro nel corso del 2012 non effettuò il trasferimento al Pergocrema della quota prevista per i diritti Tv, circa 256mila euro, provocandone così il fallimento, dopo il quale Macalli cedette il marchio Pergolettese 1932, di proprietà del Pergocrema, al Pizzighettone. La notizia arriva proprio nel giorno in cui la Lega Pro tiene la sua assemblea per decidere se continuare ad appoggiare Tavecchio come candidato alla presidenza Figc.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Felice48

Lun, 04/08/2014 - 16:36

Ormai da questa stolta impasse non ne usciremo più.Questi falsi e ciechi ideali ci stanno portando alla rovina. Non c'è più libertà nè di pensiero nè di parola. Basta sbagliare di una virgola che subito si viene impallinati come il peggiore dei nemici. Stiamo portando il cervello all'ammasso.

francesco de gaetano

Mar, 05/08/2014 - 09:34

Se la maggioranza dei presidenti della Lega di Seria A e B insistono a volere votare Tavecchio vuol dire che ci sono delle anomalie nel sistema che cambiando il Presidente della FIGC verrebbero alla luce da non far piacere nè e Galliani tantomeno a Lotito compresi quegli altri che lo vogliono a tutti i costi.Già la vicenda Macalli dovrebbe far meditare.Il Calcio Italiano ha bisogno di rinnovamento e per rinnovamento mi riferisco a personaggi come il il Vice Presidente di Lega Nino Cosentino.