"Terrone di m...", scintille a fine partita tra Gattuso e la panchina della Lazio

Un membro dello staff della Lazio a fine partita ha insultato Gattuso che ha risposto a muso duro: "Terrone di m... a me? Dimmelo in faccia". Scintille anche durante il match tra il tecnico calabrese e Simone Inzaghi

Nervi tesi al San Paolo di Napoli tra Gennaro Gattuso, Simone Inzaghi e tutta la panchina della Lazio. Al triplice fischio del direttore di gara e grazie ad un audio ambientale si è udito un "Terrone di m..." rivolto al tecnico calabrese che a quel punto è partito in direzione del collaboratore di Inzaghi che avrebbe pronunciato questa frase: "Terrone di m... a me? Devi venire a dirmelo in faccia!". Il direttore sportivo Igli Tare ha dovuto bloccare il tecnico del Napoli furente per quanto sentito pronunciare dalla panchina laziale.

Nervi tesi

Anche durante la partita Gennaro Gattuso e Inzaghi non se le sono mandate di certo a dire con l'allenatore del Napoli che ad un certo punto ha pronunciato alcune parole forti nei confronti del collega biancoceleste: "Ti attacco alla panchina".

A fine partita, però, ai microfoni di Sky Sport Gattuso ha fatto un passo indietro dicendosi colpevole e dispiaciuto per quanto avvenuto con Inzaghi: "Oggi io meritavo l'espulsione, ho fatto un po' di caciara. C'è stata qualche parola di troppo, ci siamo detti qualcosa. Ho esagerato, bisogna essere onesti. La partita ha fatto incattivire entrambe le partite", le parole di Ringhio che ha poi concluso il suo intervento: "Se mi sono chiarito con Simone? Mi piace farlo dopo. Devo stare calmo o faccio ancor più danni. Ripeto, ho sbagliato, dovevo essere cacciato".

Da parte sua Simone Inzaghi ha spiegato così il nervosismo suo e della squadra: "Non volevamo finire quarti, sapevamo che l'Atalanta stava perdendo. Volevamo arrivare terzi, c'era un po' di nervosismo. Chiudiamo il campionato al quarto posto e sicuramente potevamo fare meglio per come eravamo piazzati prima della sosta. Ma nulla toglie al campionato che abbiamo disputato", il commento del fratello di Superpippo che ha tagliato corto sui diverbi avuti con Gattuso durante il match dell'Olimpico.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Machiavelli63

Dom, 02/08/2020 - 12:01

ma basta con sto razzismo, avete spaccato gli zebedei, sono insulti dovuti all'agonismo, e anche il buon gattuso, si calmi, perchè se metti le mani addosso a chi ti insulta vai automaticamente dalla parte del torto, che poi un romano dia del terrone a un calabrese è ridicolo, perchè a milano dicono ridendo: dopu porta genua milan tutt terun e fatevi una risata invece che montare un caso sul nulla.

shamouk

Dom, 02/08/2020 - 12:20

Razzismo? Gattuso è persona onesta e difatti ha detto che meritava l’espulsione. Non credo si offenda se gli danno del terrone, anzi credo sia orgoglioso. Come se a uno del nord danno del polentone,

Ritratto di ilgrandeblek

ilgrandeblek

Dom, 02/08/2020 - 16:02

Macchiavelli63....a parte che il collaboratore di Inzaghi è della provincia di Brescia come Inzaghi, che ne diresti se a te dicessero "Milanese infetto di merda..." ehh? Una cosa è lo sfotto' sportivo un'altra l'offesa razzistica detta con livore