Il Tribunale di Bolzano assolve Schwazer: ''Non ci fu doping''

Il Gip ha dato ragione al marciatore altoatesino archiviando il caso per "non aver commesso il fatto"

Archiviazione''per non aver commesso il fatto'': cala il sipario sulla lunga battaglia giudiziaria di Alex Schwazer, il marciatore alto-atesino squalificato per otto anni dopo un controllo anti-doping del 2016.

Il Gip del Tribunale di Bolzano, Walter Pelino ha disposto l'archiviazione del procedimento penale a carico di Alex Schwazer per''non aver commesso il fatto''. È quanto emerge da fonti dell’entourage dell'atleta. Nelle motivazioni del Gip, si dice, che la realtà di questo processo è che la realtà di questo processo è che ''la catena di custodia dei reperti in perizia è di fatto del tutto evanescente''.

Il procedimento si riferisce al presunto caso di doping, risalente al 2016. A seguito di un controllo antidoping a sorpresa, Schwazer era risultato positivo, rimediando successivamente una squalifica di 8 anni per doping, vista la recidività. Tuttavia l'atleta ha sempre negato di aver fatto uso di sostanze dopanti in quel periodo (al contrario del 2012 quando ammise la violazione delle regole) contestando formalmente la validità del test dichiarandosi vittima di un complotto. I sospetti dell’ex marciatore potrebbero non essere così distanti dalla realtà viste le anomalie riscontrate dal Ris di Parma, Giampietro Lago, sulle urine (conservate nel laboratorio Wada di Colonia) del corridore.

L'accusa verso Wada e Iaaf

Il giudice sottolinea in modo molto duro l’ostruzionismo di Wada e Iaaf: ''Hanno operato in maniera totalmente autoreferenziale non tollerando controlli dall’esterno fino al punto di produrre dichiarazioni false''. Inoltre sempre nei loro confronti arriva l'accusa più pesante: ''Sussistono forti evidenze del fatto che nel tentativo di impedire l’accertamento del predetto reato siano stati commessi una serie di reati che di seguito si elencano: falso ideologico, frode processuale, falso ideologico finalizzato a coprire il precedente falso; falso ideologico, frode processuale e diffamazione''.

Nello scorso mese di dicembre la Procura di Bolzano aveva chiesto l’archiviazione del caso nei confronti dell’ex marciatore azzurro, campione olimpico della 50 km di marcia a Pechino 2008. Sin dall’inizio il caso non era stato particolarmente chiaro e il coinvolgimento di altri soggetti come l'agenzia mondiale antidoping (Wada), la federazione mondiale di atletica leggera (World Athletics, ex Iaaf) aveva di per sè reso più complesso l'accertamento del reato. In ultimo il laboratorio antidoping di Colonia dove le provette del controllo incriminato sono rimaste dal 2 gennaio 2016 fino al febbraio 2018 quando, a fatica, sono state consegnate alle autorità italiane incaricate al prelievo delle stesse.

''Nefandezze per nascondere manipolazione''

L'ordinanza di archiviazione, lunga 87 pagine, smaschera in maniera inequivocabile l'intero sistema anti-doping: 'La manipolazione delle provette che lo scrivente ritiene provata con altro grado di probabilità razionale, avrebbe potuto avvenire in qualsiasi momento a Stoccarda come a Colonia (nel locale degli uffici dell’agenzia incaricata del prelievo o nel laboratorio del controllo, ndr), ove si è dimostrato esservi provette non sigillate dunque agevolmente utilizzabili alla bisogna''. Nelle conclusioni il gip Walter Pelino ''ritiene accertato con alto grado di credibilità razionale che i campioni d’urina prelevati a Alex Schwazer l’1-1-2016 siano stati alterati allo scopo di farli risultare positivi e dunque di ottenere la squalifica e il discredito dell’atleta come pure del suo allenatore, Sandro Donati”.

Poi si arriva al passaggio chiave quando il giudice afferma: ''Solo una posta così alta, quale la necessità di celare la manipolazione commessa e di coprire quanti vi furono invischiati, può spiegare come enti che dovrebbero combattere il doping e garantire il mondo dello sport, atleti compresi siano ricorsi alle nefandezze esaminate". In questo caso il gip si riferisce a una presunta prova tirata fuori dai legali della Wada nell'ultima udienza dell'incidente probatorio, un documento che si riferiva a una presunta analisi svolta sull'urina di Schwazer relativa a un altro controllo antidoping, che il perito del gip aveva definito "fuori da qualsiasi possibilità secondo la letteratura scientifica". Insomma ora, dopo le accuse a Schwazer almeno penalmente archiviate, si apre un altro scenario investigativo.

Il futuro di Schwazer

L’archiviazione, però, non permetterà comunque a Schwazer di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo, vista la squalifica fino al 2024 comminata dal Tas di Losanna. La decisione della giustizia ordinaria non avrà infatti alcuna ripercussione su quella sportiva. La squalifica di otto anni resta confermata. L'altoatesino, alla luce della decisione del Tribunale di Bolzano, ora potrebbe rivolgersi alla Corte Federale Svizzera, per impugnare la sentenza del Tas. Oppure percorrere un'altra strada: avanzare una richiesta di grazia al Cio, e sperare che il comitato olimpico internazionale la accolga, in virtù proprio di questo favorevole pronunciamento giudiziario. In fondo il sogno di poter tornare a gareggiare e partecipare ai Giochi di Tokyo resta sempre valido. Il 36enne altoatesino lo ha sempre detto: "Vorrei chiudere la mia carriera come voglio io, non magari come lo volevano altri".

Le reazioni

Felicissimo della notizia Schwazer si è espresso così: "Sono molto felice che dopo 4 anni e mezzo di attesa finalmente è arrivato il giorno in cui è stata fatta giustizia. Probabilmente non potrò dimenticare tutte le cose - prosegue in un file audio diffuso attraverso la sua manager Giulia Mancini -, ma il giorno di oggi mi ripaga un po' di tante battaglie che insieme ad altri che mi sono stati vicini ho dovuto affrontare in questi quattro anni e mezzo, che non sono stati per nulla facili".

''A parte Giovanni Malagò che ha cercato di dare una mano, per il resto silenzio più totale dal resto del mondo sportivo: sono stati 5 anni di battaglia durissima, e solo negli ultimi anni la Federatletica aveva assunto una posizione più distaccata, forse capendo che l’accusa era indifendibile''. L’allenatore Sandro Donati, ha confessato a caldo all’Adnkronos. Poi aggiunge parlando a LaPresse:''Ho parlato con Alex ed era emozionato. Si sta allenando, è molto costante. L'ho tenuto a un livello non molto elevato, ma in una condizione tale che, se dovesse arrivare giustizia anche in ambito sportivo, senz'altro potrebbe essere pronto per i Giochi di Tokyo".

Segui già la nuova pagina Sport de IlGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giovanna_m

Gio, 18/02/2021 - 15:34

Ora chi è che lo risarcirà e chi è che pagherà (penalmente, con qualche anno di carcere) per averlo incastrato?

hectorre

Gio, 18/02/2021 - 15:36

quindi....nessun colpevole?????....hanno distrutto una carriera, mi auguro che qualcuno paghi e profumatamente, sia a livello economico che giudiziario!!!

ROUTE66

Gio, 18/02/2021 - 15:38

Ci sarà qualcuno che pagherà ? O tutto passerà in cavalleria?

Ritratto di Koral

Koral

Gio, 18/02/2021 - 15:48

Adesso chi e come lo risarcirà? Chi gli farà recuperare le gare mancate, l'umiliazione e le esclusioni subite?

roberto zanella

Gio, 18/02/2021 - 15:57

FACCIA VALUTARE I DANNI ECONOMICI E MORALI, DENUNCI CHI DEVE DENUNCIARE, WADA E ALTRI CON IL PENALE,QUALCUNO DEVE PAGARE CONBUONA MONETA

moichiodi

Gio, 18/02/2021 - 16:12

Tutto questo rumore per dire che è stato assolto dal procedimento PENALE. Che non c’entra un tubo con la squalifica sportiva! Solita passeggiata a spasso.

MARCOULPIO

Gio, 18/02/2021 - 16:17

Purtroppo il marcio che c'è nello sport ha delle conseguenze nefaste per atleti e per il pubblico che ci crede. Una volta accertata la verità sarebbe il caso di andare a fondo e incriminare tutti colori che hanno ostacolato le indagini e mandarli in galera. Solo così lo sport potrebbe riacquistare un minimo di credibilità che ora è sotto le scarpe.

Santorredisantarosa

Gio, 18/02/2021 - 16:18

ORA CH DARA' LE VITTORIE, MEDAGLIE I RICONOSCIMENTI E L'ONORE DI 5 ANNI?

il veniero

Gio, 18/02/2021 - 16:22

Giovanna_m...nessuno paga niente ...è il sistema italia ...

jaguar

Gio, 18/02/2021 - 16:23

Con Pantani è successa la stessa cosa, lo hanno incastrato ma purtroppo nessuno ha pagato.

lorenzovan

Gio, 18/02/2021 - 16:24

eravamo in tanti ad avere dubbi...io normalmente non credo ai gombloddi..ma nel caso particolare ..c'erano troppe sbavature e incongruenze..Ora chi lo ripaghera' delle tonnellate di letame internazionale e degli anni persi ??

Triatec

Gio, 18/02/2021 - 16:26

Come danneggiare una persona moralmente e economicamente, senza che nessuno paghi. Ma in quale Paese?

baio57

Gio, 18/02/2021 - 16:35

@ moichiodi Sappiamo che da un sinistrato non ci si può aspettare più di tanto, ma si può sapere come ca...spita ragioni ????

Daniele Sanson

Gio, 18/02/2021 - 16:42

Rovinata la carriera ad un atleta di caratura mondiale e compromesso definitivamente il rapporto che stava avvenendo con Carolina Kostner . Uno schifo anche per il Coni che non prese mai una netta posizione sul propio atleta a livello mondiale. La solita storia italiana . DaniSan

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Gio, 18/02/2021 - 16:42

ci sono stati atleti che hanno confessato l'uso di sostanza che si sono presi una tirata di orecchie e via, chi si allenava in sud africa senza mai farsi trovare per il prelievo del sangue, e lui che era innocente si è preso otto anni, dovrebbe farli di galera chilo ha incastrato.

Giorgio Mandozzi

Gio, 18/02/2021 - 17:11

Chi lo risarcirà? Quale sarà l'ente o la persona che dovrà chiedergli scusa per avergli rovinato la vita? Da bravi sepolcri imbiancati penseranno di farla franca anche stavolta!

rennyargento

Gio, 18/02/2021 - 17:14

è lo stesso sistema di 2000 anni fa, l'innocente in croce e i furbi e delinquenti liberi (barabba)ed il tutto coadiuvato dalla solita stampa e dai soliti giudici , troppi anni per avere giustizia

necken

Gio, 18/02/2021 - 17:58

bisognerà modificare i protocolli e le procedure antidoping per evitare che ciò si ripeta in futuro. La carrierà sportiva per lui è finita o quasi comunque malgrado tutto è riuscito a farsi una normale famiglia che in certi momenti della vita è di granissimo aiuto

Korgek

Gio, 18/02/2021 - 18:41

Magra consolazione, una carriera rovinata, in questi anni avrebbe potuto riscattarsi, dare un po' di soddisfazioni all'Italia. @Moichiodi, commento insulso il tuo.

sukram

Gio, 18/02/2021 - 19:22

@@ Moichiodi. Il Suo commento è superfluo e senza senso. Si immagini se fosse successo a Lei! Menefreghismo puro!

hectorre

Gio, 18/02/2021 - 19:57

moichiodi....rappresenti al meglio il mondo sinistro....e credimi non è un complimento.

moichiodi

Dom, 21/02/2021 - 12:17

@korgek sukram hectorre. Avete ragione. Infatti la squalifica sportiva rimane.