"Vincete con la Juventus e...": il sospetto sulla finale. Ma Gasp risponde

Gasperini ha risposto piccato ad alcune illazioni: "Faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per vincere la coppa e arrivare secondi. Il resto sono stupidaggini"

"Vincete con la Juventus e...": il sospetto sulla finale. Ma Gasp risponde

L'Atalanta di Gian Piero Gasperini vuole chiudere in bellezza la stagione vincendo la Coppa Italia e consolidando il secondo posto in campionato che vorrebbe dire ottenere il miglior risultato di sempre e 7,5 milioni di euro nelle casse del club. L'ex allenatore del Genoa ha risposto così alle domande in conferenza stampa prima della finale che giocherà stasera contro la Juventus: "Questa sarebbe la ciliegina su una torta preparata negli ultimi cinque anni. Abbiamo già raggiunto una finale due anni fa, abbiamo ottenuto tre qualificazioni in Champions, che non sono un titolo ma valgono lo stesso, ora proviamo ad alzare un trofeo".

Stizzito

Gasperini contenderà alla Juventus la Coppa Italia e domenica sera al Gewiss Stadium vorrà chiudere al meglio la stagione battendo il Milan di Stefano Pioli che vorrà vincere pe andare in Champions League. I rossoneri si giocano l'accesso in Champions proprio con la Juventus e con il Napoli: ai ragazzi di Pioli servirà una vittoria per rientrare nei primi quattro posti perché con un pareggio o una sconfitta e con le vittorie di bianconeri e partenopei chiuderebbero con un bruciante quinto posto in classifica.

In questi giorni si sono fatte illazioni sull'Atalanta: coppa ai nerazzurri per poi "aiutare" la Juventus ad andare in Champions League. Gasperini ha risposto in maniera stizzita: "Sono stupidate noi siamo responsabili del nostro destino così come Milan e Juventus. Sono state giocate 37 partite, siamo arrivati a questo punto. In entrambe le gare faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per vincere la coppa e arrivare secondi. Il resto sono illazioni di poco conto”.

Questioni di classifica

La classifica di Serie A parla chiaro: Atalanta 78 punti e già certa di andare in Champions League, 76 per Napoli e Milan, 75 per la Juventus. Verona l'avversario di Gattuso, Bologna quello della squadra di Pirlo e proprio Atalanta per i rossoneri di Pioli che hanno bisogno di espugnare il Gewiss Stadium per essere certi di andare in Champions visto che gli avversari, almeno sulla carta, avranno un avversario morbido e senza ambizioni di classifica. Di contro anche la Dea è già certa di andare in Champions ma non ha ancora la certezza di finire al secondo posto che vuol dire 7,5 milioni di euro. Perdere contro il Milan e chiudere al quarto posto farebbe perdere 5 milioni di euro all'ambiziosa società di Percassi. Gasperini e l'Atalanta vogliono il secondo posto e sfondare quota 80 punti e lo faranno con tutte le loro forze senza regalare niente agli avversari.

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?