Google Opinion Rewards, come guadagnare credito Google

L'applicazione Google Opinion Rewards permette di guadagnare credito semplicemente rispondendo alle domande dei sondaggi proposti: la partecipazione è del tutto volontaria e non richiede che pochi secondi

Forse non tutti ne sono a conoscenza, ma è possibile guadagnare credito semplicemente rispondendo ad alcuni sondaggi: è quanto permette l'applicazione Google Opinion Rewards in download gratuito per i dispositivi Android e iOS. È bene precisare che la versione iOS non è ancora stata rilasciata ufficialmente in Italia, ma solo negli Stati Uniti, in Canada, in Germania e nel Regno Unito. La prenderemo comunque in considerazione in vista di un suo possibile arrivo nel nostro Paese.

Il denaro così incassato viene automaticamente collegato al proprio account su Android e può essere speso per l'acquisto di app, giochi o contenuti multimediali attraverso i servizi del gruppo, mentre su iOS viene inviato al conto PayPal dell'utente. L'unico requisito richiesto è la maggiore età: bisogna aver compiuto 18 anni.

Google Opinion Rewards: come funziona

Per prendere parte all'iniziativa è anzitutto necessario scaricare e installare l'applicazione, direttamente da Play Store per chi è in possesso di uno smartphone o tablet con sistema operativo Android o da App Store per quelli iOS. Lo sviluppatore è Google, dunque non c'è nulla da temere per quanto riguarda la sicurezza. Terminato il setup occupa circa 35 Mb nella memoria interna.

Al primo avvio viene chiesto di accettare i Termini di Servizio, di rispondere ad alcune domande di tipo demografico e di completare un tutorial. Successivamente non bisogna far altro che attendere che sullo schermo dello smartphone o del tablet compaia una notifica per accedere ai sondaggi, dopodiché rispondendo ad alcune semplici domande si otterrà un compenso massimo di 0,80 euro. È bene tenere a mente che i crediti ricevuti possono essere utilizzati entro un anno, trascorso il quale spariscono.

Come si legge anche nelle recensioni dell'applicazione, la frequenza è piuttosto casuale: per qualcuno avviene a cadenza settimanale, altri aspettano invece diversi mesi. Non è dato a sapere con quali criteri il sistema decida di assegnarne uno a un determinato bacino di utenti, con tutta probabilità sulla base di informazioni legate al suo account e allo storico delle attività svolte online.

Google Opinion Rewards: i sondaggi e le domande

Le domande sottoposte sono di varia natura, quasi certamente formulate da Google e dai suoi partner in modo da raccogliere pareri e opinioni nell'ambito di ricerche e studi inerenti i temi più disparati. Alcuni esempi: "In generale, approvi o non approvi le decisioni delle Nazioni Unite?", "Ti piace guardare la pallacanestro in televisione?", "Qual è il logo migliore?", "Qual è la promozione più interessante?", "La scorsa settimana quante ore hai dormito mediamente per notte?" oppure "Quando prevedi di partire per il prossimo viaggio?".

Si tratta sempre di quesiti a risposta multipla per i quali non bisogna far altro che toccare sul display l'opzione desiderata e poi confermarla con un ulteriore pressione. Solitamente non ci si impiega più di un minuto per portare a termine l'operazione. L'accredito è immediato.

Google Opinion Rewards: l'applicazione

L'app è di per sé piuttosto semplice. Su Android nella schermata principale viene mostrato il saldo di Google Play associato all'account, mentre su iOS i fondi ricevuti in passato. Ci sono poi la sezione "Le mie attività" che consente di accedere rapidamente ai sondaggi (se disponibili) e un riquadro che invita a condividere Opinion Rewards con gli amici in modo da far conoscere ad altri l'iniziativa.

Dal menu principale si può inoltre accedere all'area "Cronologia dei Premi" che mostra un riepilogo dei compensi incassati, il numero dei sondaggi portati a termine e le entrate totali.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.