"Qui morirà un'altra Desirée..." Il fortino dei migranti fa paura

Si espande sempre di più la tendopoli popolata da senzatetto e tossicodipendenti lungo le Mura Aureliane. L'accampamento è diventato il punto di riferimento per chi vuole acquistare droga. E i residenti denunciano: "Segnaliamo risse e degrado ma nessuno interviene"

"Abbiamo fatto decine di segnalazioni ma non si è mosso nessuno, da soli non possiamo intervenire, c’è il rischio che ci feriscano con una siringa o una coltellata". Augusto, 78 anni, abita a San Lorenzo da una vita. Lo incontriamo mentre passeggia con un amico a piazzale Tiburtino. Scuote la testa e indica in direzione delle Mura Aureliane. La tendopoli è ancora lì. È uno dei segni evidenti che la zona ormai è cambiata radicalmente: non è più il vecchio quartiere operaio dove è nato e cresciuto, ma un catalizzatore di pusher e degrado.

La baraccopoli corre lungo un tratto della muraglia interdetto a causa di uno dei tanti distaccamenti che negli anni hanno falcidiato il monumento. Quello che succede al di là delle transenne ve lo abbiamo già raccontato il mese scorso. All’epoca ci eravamo imbattute in una decina di stranieri, in prevalenza nordafricani e dell’Est Europa, intenti a consumare droghe di tutti i tipi: marijuana, cocaina, eroina e crack. Da allora le cose non sono cambiate, anzi. Quell’inferno si è ormai trasformato in un punto di riferimento per chi vuole acquistare qualche dose.

Tra i clienti ci sono anche ragazzini. Giovedì pomeriggio ce ne sono tre a mettersi in fila fuori dall’accampamento. Avranno al massimo 17 anni. A qualche centinaio di metri da qui, nella crack house allestita all’interno di un cantiere abbandonato in via dei Lucani, venne ritrovata senza vita una loro coetanea, Desirée Mariottini. Ma la morte della sedicenne di Cisterna di Latina, lasciata ad agonizzare su un materasso sporco dopo aver assunto un cocktail di droghe ed essere stata stuprata, non ha insegnato nulla. "Tutti i giorni è la stessa storia, si bucano, fumano il crack, spacciano, tutto in pieno giorno e davanti ai passanti, anche donne e bambini, è assurdo", denuncia il proprietario di un bar su viale di Porta Tiburtina.

"Di segnalazioni ne abbiamo fatte tante, abbiamo scritto anche al prefetto", ci dice indignato. L’unica risposta arrivata delle istituzioni è stato un silenzio assordante. "Il Comune dovrebbe trovargli un posto, non ne possiamo più", conclude il barista. Secondo un ragazzo che vive a poca distanza dall’insediamento qui "c’è da avere paura". "Sono sempre fatti, si prendono a bottigliate, lasciano le siringhe usate sui marciapiedi, mi preoccupo per i bambini, gli anziani o le ragazze che magari di notte tornano a casa da sole", racconta il trentenne.

"Li sentiamo schiamazzare, litigano, si lanciano le bottiglie e ogni tanto ci scappa anche qualche coltellata", gli fa eco Augusto, l’anziano residente che incontriamo in piazza. "Qui è diventato uno schifo", rincara la dose il suo amico Mario. Il settantenne non ha dubbi: "Sapete come andrà a finire? Ci sarà un altro morto proprio come è successo con Desirée". "L’ultimo esposto in Municipio su quella situazione fu fatto soltanto quindici giorni prima che la ragazza morisse, purtroppo se gli spazi non vengono gestiti e valorizzati si trasformano in zone franche", denunciano anche dal Comitato Mura Aureliane.

"Questo è il monumento più esteso della Capitale, la più grande cinta muraria di epoca romana sopravvissuta ai giorni nostri, e versa in uno stato di periferia urbana", proseguono dal Comitato. "Per invertire questa tendenza – aggiungono – non basta sgomberare, bisogna ripensare gli spazi per strapparli al degrado". Un degrado che il Comitato definisce "democratico", perché interessa le cinta murarie in più tratti. E infatti anche qualche metro più avanti, lungo viale Pretoriano, le tende canadesi si moltiplicano di giorno in giorno. Ad occuparle sono decine di africani senza fissa dimora. È l’ennesima terra di nessuno di una città sfregiata dall’incuria.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Ven, 26/06/2020 - 14:53

E quale sarebbe il problema? Siamo o non siamo sotto il dominio di quella che i germanici chiamano 'Dschungelgesetz'? Evidentemente domanda ultraretorica. Perché ci siamo, ci siamo... E fino al collo.

Calmapiatta

Ven, 26/06/2020 - 14:56

Nel breve periodo, glis tabili destinati ad essere occupati, le tendopoli, le baraccopoli sono destinate ad aumentare in maniera direttamente proporzionale al numero dei migranti in arrivo. Più migranti, più baraccopoli. Tra breve, vedremo sorgere, ai bordi delle città, vere e proprie favelas che staranno a testimoniare la civiltà della sx buonista e cattolica italiana.

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Ven, 26/06/2020 - 15:02

INGINOCCHIAMOCI innanzi ai PAGATORI DI PENSIONI!

cgf

Ven, 26/06/2020 - 15:05

virginia ha già un piano segreto, talmente segreto che nemmeno lei conosce, aspetta il manuale, ma il problema è in via di risoluzione

marc59

Ven, 26/06/2020 - 15:08

Roma è diventata una fogna a cielo aperto.

Ritratto di babbone

babbone

Ven, 26/06/2020 - 15:18

maaa...come hanno ridotto la nostra amata ITALIA. colui/coloro che comandano in Italia, uno scatto di orgoglio (se ne hanno), per salvare questo paese dalla sfracelo per non dire peggio. Auguri popolo Italiano.

ulio1974

Ven, 26/06/2020 - 15:32

-Alsikar- 14:53: .....una 30ina di anni fa, Axel Rose & Co. ti avrebbero anche cantato il benvenuto, oggi nemmeno quello. che tempi miseri stiamo vivendo.

Giulio42

Ven, 26/06/2020 - 15:41

Niente di nuovo, stile Italia, aspettare che succeda e poi tutti in processione.

Ritratto di ex finiano

ex finiano

Ven, 26/06/2020 - 15:44

Questa è accoglienza!

Brutio63

Ven, 26/06/2020 - 16:23

È una vergogna, senza se e senza ma! La sindaca vada a casa e Zingaretti insieme alla ministra Lamorgese per manifesta incapacità! Basta con l’Italia terra di nessuno e le nostre città d’arte trasformate in suk e centrali di spaccio e prostituzione a cielo aperto! Le mure Aureliane: un monumento grandioso in balia dei barbari che spacciano morte ai nostri ragazzi e nessuno di quelli che prendono 10/20 mila euro al mese per avere cura di noi fa nulla!

Giorgio5819

Dom, 28/06/2020 - 16:04

zingaretti ? raggi ? ministero dell'interno ? governo ?.... poi arrestano Fede...