Terremoto Una scossa fa tremare le Marche: ancora paura

La terra continua a tremare in centro Italia. Dopo le scosse avvertite l’altro giorno in Toscana, nella zona tra Firenze, Prato e Pistoia, ieri un terremoto di magnitudo 4,6 ha colpito, attorno alle 5.50, un’ampia area delle Marche, compresa tra le province di Macerata e Ancona. Non ci sono stati danni né feriti, ma soltanto tanta paura fra gli abitanti.
All’alba la terra ha tremato per circa dieci secondi. Secondo le prime rilevazioni, il sisma ha avuto una profondità di 37,7 chilometri. L’epicentro è stato individuato tra i comuni di Montefano e Santa Maria Nuova (Macerata). Ma la forte scossa è stata avvertita anche ad Ancona, dove si stava svolgendo la «notte bianca», e a Perugia.
Molta la gente nei centri delle marche e dell’Umbria scesa in strada e molti quelli che hanno deciso di passare il resto della notte fuori casa ricordando il vicino terremoto dell’Abruzzo ma anche quello che colpì proprio le Marche e l’Umbria il 26 settembre 1997.
I vigili del fuoco hanno effettuato numerosi sopralluoghi, ma non sono stati segnalate case pericolanti. Una donna per lo spavento ha accusato un malore, ma è stata soccorsa dal 118. Nessun danno anche agli edifici pubblici. Pertanto oggi scuole, residenze per anziani e uffici comunali saranno regolarmente aperti.