theMicam, tornano i buyer italiani

Il salone della moda scarpa ha chiuso con 32.112 visitatori professionali, di cui 15.697 provenienti dall’estero. Cleto Sagripanti: "Segnali di cauto ottimismo nonostante la crisi russa, era dal settembre 2011 che i compratori italiani non superavano quelli esteri. Ora puntiamo su theMicamSahangai che si tiene, in veste rinnovata, dal 18 al 20 marzo"

theMicam, tornano i buyer italiani

"theMicam ha mostrato ancora una volta la sua capacità di attirare gli operatori internazionali più importanti e di essere un appuntamento di riferimento per le tendenze moda calzatura, grazie anche alla novità delle sfilate che hanno rafforzato l’aspetto fashion e glamour", commenta così la chiusura del salone internazionale della calzatura il presidente Cleto Sagripanti. Che aggiunge: "Sono arrivati segnali positivi dai buyer italiani che hanno visitato la manifestazione per finalizzare ordini: le presenze italiane hanno superato quelle straniere e questo non accadeva da settembre 2011. I mercati dell’area russa mostrano invece grandi difficoltà, che hanno portato a un forte calo di visitatori russi e ucraini, quasi dimezzati. Al di là dei numeri, emerge comunque un messaggio di cauto ottimismo da theMicame dai suoi 1.516 espositori, che continuano a credere in questo appuntamento e ci confermano, edizione dopo edizione, la loro fiducia".

I dati finali infatti registrano 32.112 visitatori, di cui 15.697 dall’estero: più italiani che stranieri per il business della moda calzatura. Sul fronte degli stranieri da segnalare la presenza di importanti delegazioni arrivate dal Sud Est asiatico e l’aumento di visitatori dalla Spagna (nazione che si conferma al primo posto tra i visitatori della manifestazione) e dal Portogallo che ha visto presenza dl vice premier. Oltre alle difficoltà di alcuni mercati internazionali, certamente la manifestazione ha risentito di alcune sovrapposizioni e spostamenti di date di altri eventi moda: la priorità di theMicam e di Assocalzaturifici sarà di lavorare in sinergia con le altre manifestazioni fieristiche e con i principali appuntamenti fashion per armonizzare il calendario internazionale. Ma theMicam conferma la sua centralità come manifestazione di riferimento per le tendenze moda calzatura.

In mostra nei padiglioni di Fiera Milano Rho le collezioni autunno - inverno 2015 e 2016 di 1.516 espositori, 629 dei quali stranieri. Grande novità di questa edizione sono state le sfilate tenute nei primi tre giorni di manifestazione a theMicamSquare, organizzate in collaborazione con lo studio Rosemary Ferrari e con Wgsn. In passerella hanno sfilato i modelli donna, uomo e bambino delle aziende espositriciche hanno offerto, con un grande riscontro di pubblico, una panoramica delle tendenze per ognuno dei sei lifestyle dei padiglioni tematici: Contemporary, Street, Urban, Active, Cosmopolitan e Luxury.

"A fronte di tanti mercati che presentano situazioni di difficoltà, il valore aggiunto di theMicam – sottolinea ancora il presidente Sagripanti - è la sua dimensione internazionale e la capacità di offrire un panorama globale delle principali aziende e dei più qualificati buyer internazionali. Questo significa dare la possibilità di aprirsi a nuovi mercati e diversificare il proprio business. Le sfide più affascinanti sono certamente il mercato Usa e il Far East, un’area che ci vedrà a breve protagonisti con theMicamShanghai, che torna con una veste rinnovata dal 18 al 20 marzo

Di grande importanza la presenza all’inaugurazione del vice ministro per lo Sviluppo Economico Carlo Calenda, segno dell’attenzione delle istituzioni a un settore importante per la nostra economia e per manifattura in particolare. “Il settore calzaturiero è un grande esempio di economia reale e una parte importante del nostro Pil: non possiamo quindi cedere alla crisi, ma dobbiamo ritrovare slancio e ottimismo – precisa Sagripanti -. Le stime di Confindustria per il 2015 ci fanno sperare che i consumi italiani potrebbero fare da volano alla ripresa e il governo, grazie al supporto del vice ministro Calenda, finalmente ha messo sotto i riflettori l’eccellenza manifatturiera e sviluppato un progetto concreto di politica fieristica e di supporto al Made in Italy. Anche a livello europeo è in corso una battaglia importante per supportare la manifattura. Forti di questi segnali positivi, non ci arrendiamo e non smettiamo di guardare con fiducia al futuro del nostro settore e delle nostre aziende”.

theMICAMsquare, luogo di incontro in fiera per i professionisti del settore della calzatura, oltre alle sfilate ha offerto per tutta la durata della manifestazione stimolanti sessioni formative per illustrare le tendenze moda, le novità in tema di global retail e le linee guida per il design delle collezioni primavera - estate 2016. Gli esperti di Wgsn hanno inoltre presentato i "buyers briefings” per guidare gli addetti ai lavori tra le tendenze moda delle prossime stagioni per calzature e accessori. Anche la serata evento di theMicam ha messo sotto i riflettori le calzature: Night in the Limelight ha presentato una sfilata esclusiva per celebrare le calzature made in Italy e ha ospitato anche l'emozionante esibizione della violinista Saule Kilaite e la performance dell'ospite d'eccezione Mario Biondi. Durante la serata sono stati premiati i vincitori di theMicamAward, il riconoscimento assegnato su segnalazione degli espositori della manifestazione ai migliori ambasciatori delle calzature italiane in Italia e all’estero.
L’appuntamento con la prossima edizione di theMicam è dall’1 al 4 settembre 2015.

Commenti