Torna l’Adidas cup, la giostra delle vecchie glorie calcistiche Tra le squadre da battere quest’anno c’è pure il Giornale

Adidas Cup anno quarto. Prenderà il via lunedì prossimo la nuova edizione del cAmpionato di calcio a 7 che in questi anni ha convogliato sul sintetico del centro Masseroni Marchese i più bei nomi di un recente passato. Tanti grandi ex che hanno dato spettacolo e permesso a Fondazione Milan, organizzatrice della manifestazione, di dotare un reparto di neonatologia all’ospedale di Nazareth, un respiratore per i bambini della Mangiagalli e uno speciale reparto al Buzzi. E l’obiettivo benefico della quarta Adidas Cup è davvero ambizioso: oltre all’amichevole benefica che una selezione giocherà il 10 ottobre a Pescara, la costruzione di un centro sportivo a L’Aquila con palestra e campetto di calcio per i bambini di una scuola elementare e di un asilo. «È la mission che ci siamo imposti quest’anno», ha precisato Adriano Galliani, presidente della onlus Fondazione Milan e presente al vernissage dell’evento con Fabio Guadagnini, direttore di Sky Sport che trasmetterà a mezzogiorno di ogni domenica la sintesi delle partite.
E mai come in questa edizione, che si concluderà nel giugno 2010 con la finale a San Siro (ma il sogno è di spostarla allo stadio dell’Aquila), la partecipazione dei grandi ex è davvero folta. Dieci squadre in A1 che giocheranno il giovedì e dodici in A2, impegnate invece ogni lunedì, con la corazzata Infront che punta al bis dopo la vittoria di un anno fa. I campioni in carica possono disporre di Marcolin, Swoch, Annoni, Damiani e dovranno confrontarsi con pericolosi avversari come Emporio Armani (Colonnese, Stroppa, Conte, Abate), Hotel Philosophy (Ganz, Carrera, Pistone, Giarretta, Pinato), Ristorante Donati (Eranio, Valtolina, Zanetti), Piùstyle (Cauet, Gallo, Braglia, Lemarchand) e Studio Tributario (Crippa, Fontolan, Vierchowod, Padovano). Ma anche dal Giornale che il presidente Paolo Berlusconi vorrebbe vedere sul gradino più alto del podio. I gialli di via Negri hanno perso il forte portiere Vicentini (uno strano regolamento ha alzato i limiti di età) sostituendolo con Lovo e Cappelletti. La difesa resta imperniata sui "vecchi" Lupone, Galia, Grosselli, Rossi, Monza e vede l’inserimento di Fabio Mondoni sulla fascia sinistra e Bellazzi. Novità invece a centrocampo con i riconfermati Occhipinti e De Tomasi e le new entry Cuscunà, l’ex fiorentino Mauro Bressan, Claudio Sclosa e Pandolfi. In attacco la novità Claudio Pelosi a fare concorrenza a Billy Berlusconi, Azimonti, Gelosi e Fausto Pizzi. Prestigiose presenze anche in A2: Leonardo, Pavone e Albertini nella Resen Team di Eros Ramazzotti; Serginho, Simone, Franco Baresi e Fiori nel Master Group di Mauro Tavola; Carbone, Nunziata e Ielpo nell’Atahotels di Paolo Ligresti.