La Torta dei Fieschi finisce nella Notte «di» Bianca

La Torta dei Fieschi finisce nella Notte «di» Bianca

Torna stasera a Lavagna la festa più grandiosa di mezza estate. Opizzo e Bianca si sposano il 14 Agosto e, come in ogni grande matrimonio che si rispetti, a festeggiare sono in tanti. E la Torta dei Fieschi, con il suo contorno di spettacolo storico tra musiche d’epoca, giochi d’arme e di bandiera, costumi e quant’altro, ha finora contrassegnato questa voglia di far festa. I tempi, però, cambiano. E se Opizzo e Bianca si fossero sposati nel 2009, forse avrebbero offerto ai loro ospiti anche una grande festa in discoteca, o meglio tanta musica in piazza. Ecco allora che, da mezzanotte, piazza Vittorio Veneto, per molti «la piazza della Torta», cambierà volto: si spegneranno le forti e invadenti luci di piazza, rimarrà la luccicante corona dell’immensa torta e il palco e la piazza daranno vita ad una «nuova festa della Torta» grazie all’organizzazione ed animazione del «Sol levante», la discoteca di Lavagna.
Si potrà ballare fino alle 3 del mattino, bere birra (rigorosamente in bicchieri di plastica) e ovviamente (perché la tradizione è tradizione) continuare a comprare biglietti, giocare al gioco dell’anima gemella e degustare l’ambito dolce che continuerà ad essere distribuito fino a quell’ora (salvo esaurimento dei tredici quintali disponibili).
Al termine dei festeggiamenti anche l’estrazione del biglietto che si aggiudicherà un fantastico viaggio premio. Quest’anno si è deciso di far cominciare gli eventi sul palco addirittura alle 21,20: con gli straordinari mangiafuoco-giocolieri Ianna Tampè, che il pubblico della Torta ha già imparato a conoscere e applaudire nelle ultime due edizioni. I ragazzi e le ragazze del gruppo faranno da apripista ai Sestieri (ma torneranno sul palco più tardi durante la serata e ne chiuderanno in bellezza la parte storica), ma non saranno i soli ad animare le piazze di Lavagna in contemporanea con lo svolgimento del corteo storico. In piazza Marconi e in piazza della Libertà, infatti, si alterneranno gli sbandieratori di Pontremoli e Levanto. Ma non è tutto. In piazza S. Caterina, spazio raccolto e molto medievale, sempre in preparazione dell’arrivo del corteo si svolgerà un miniconcerto del gruppo «La Chambre du Roi René». Poi, all’arrivo del corteo, i musicisti si inseriranno tra le figurazioni allietando il pubblico, come sempre, in modo itinerante, con le loro affascinanti melodie d’epoca.

Commenti