Toscani, nuovo paesaggio italiano attraverso i volti

Si chiama "Razza Umana/Italia" il progetto itinerante partito qualche mese fa e che sfocia in una mostra che apre tra qualche giorno a Suvereto, in provincia di Livorno: un repertorio di ritratti di gente comune che sottolinea somiglianze e differenze

Da qualche mese girano l'Italia facendo una cosa semplice ma geniale (ma tutte le cose geniali sono a loro modo semplici): fotografare gli italiani. Con un furgone attrezzato, versione evoluta delle macchinette delle fotografie per documenti, ma con lo stesso umile scopo: che dalla rastrelliera esca il volto e niente altro. Il progetto si chiama Razza Umana/Italia (precisazione che apre la porta a futuri sviluppi globali o locali) ed è nato dalla Sterpaia, bottega dell'arte e della comunicazione ideata da Oliviero Toscani con alcuni suoi stretti collaboratori.
Lo stesso Toscani con altri fotografi, hanno iniziato sin dallo scorso anno a visitare città, paesi, piazze, anche manifestazioni come il Vinitaly, allestendo studi volanti e chiedendo a cittadini e passanti di farsi ritrarre per rappresentare e fare una sorta di atlante delle caratteristiche fisiche e somatiche, ma anche sociali e culturali del cosiddetto Nuovo Paesaggio Italiano. Un repertorio di immagini per capire se c'è differenza, come recita il «manifesto» di Razza Umana/Italia, «tra gli occhi un altoatesino e quelli di un siciliano, tra gli zigomi di un romano e quelli di un lombardo, tra il portamento di un leccese e quello di un napoletano, tra la bocca di un sardo e quella di un toscano.
Le fotografie e i video entrano a far parte di un archivio multimediale e di una rassegna «neverending» (vale a dire: infinita) di mostre ed esposizioni. La prossima è quella che sarà inaugurata il 4 luglio in una location molto particolare, la cantina Petra a Suvereto, in provincia di Livorno. Un luogo nato alcuni anni fa dalla passione per i vini di Vittorio Moretti, già patròn in Franciacorta di Bellavista e Contadi Castaldi, e che sulle dolci colline della Maremma settentrionale che guardano all'isola d'Elba fece costruire una sorta di «astronave» disegnata dall'architetto ticinese Mario Botta, che è diventata nel corso degli anni la «madre« di tutte le cantine di design. Qui fino al 31 dicembre dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 19 saranno visibili, con ingresso gratuito, le fotografie del progetto Razza Umana/Italia, che potranno essere anche accompagnate dalla scoperta di un luogo affascinente e di vini molto interessanti.
Ma il progetto di toscani e soci prosegue. E i sindaci, i comuni, le associazioni e tutte le realtà interessate all'iniziativa possono contattare La Sterpaia all'indirizzo mail info@lasterpaia.it. Un'anticipazione della mostra all'indirizzo www.lasterpaia.it
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.