Università, quiz errato a test di medicina: è caos

La denuncia è partita da alcuni dei circa 80mila candidati agli 8.518 posti messi a disposizione dal ministero. La polemica rguarda la domanda numero 54 contenuta nelle prove nazionali dello scorso 3 settembre

Università, quiz errato a test di medicina: è caos

Roma - Puntuali come ogni anno arrivano gli errori nei test di ammissione alla facoltà di medicina. E monta la polemica. La denuncia, partita da alcuni dei circa 80mila candidati all’assegnazione degli 8.518 posti messi a disposizione dal ministero, riguarda una delle 80 domande contenute nella prova nazionale preparata dal Miur e svolta lo scorso 3 settembre in decine di atenei italiani. Gli aspiranti medici si sono rivolti alle redazioni di alcuni siti internet a loro dedicati. Che ora confermano l’errore e chiedono l’annullamento della prova. I portali on line, che assistono gli studenti accademici, anche attraverso corsi di preparazione gratuita ai test di ammissione, non hanno dubbi: "Gli esperti di UniversiNet.it confortati da Wikipedia e da molte fonti sul web - si legge in uno dei siti internet più cliccati dagli studenti riferendosi alle risposte rese note dal Miur lo scorso 7 settembre - concordano con le segnalazioni dei ragazzi ed invitano il ministero ad annullare la domanda. O sbaglia wikipedia o sbaglia il ministero".

Sotto accusa il quesito numero 54 Sotto i riflettori sono due delle cinque risposte, molto simili, alla domanda numero 54: "L’anemia falciforme è una malattia genetica causata da una mutazione". Ebbene, la risposta indicata come corretta dal Ministero, la A ("puntiforme autosomica che determina la sostituzione della valina con l’acido glutammico in una catena beta dell’emoglobina") sarebbe sbagliata essendo quella corretta quella indicata dalla lettera D ("puntiforme autosomica che determina la sostituzione dell’acido glutammico con la valina in una catena beta dell’emoglobina"). Gli studenti non si sono però limitati a contattare i portali di settore: hanno anche segnalato la questione al Cineca, il Consorzio interuniversitario a cui il Miur affida l’elaborazione delle domande e delle risposte ai quesiti. E l’organismo di controllo proprio in queste ore starebbe esaminando l’ipotesi di errore.

Test selettivi: escluso il 90% dei partecipanti Poiché l’accesso alle facoltà di medicina è tra i più selettivi (il 90% rimangono esclusi) l’interesse per l’esito della vicenda è ampio: in alcune facoltà, come la Cattolica di Roma (quasi 4 mila aspiranti per poco più di 200 posti) o l’università di Palermo (6 mila per appena 300 posti), il numero di esclusi è ancora maggiore. Due anni fa, dopo denunce analoghe a quelle fatte in questi giorni ed i dovuti accertamenti, il ministero dell’Università, diretto da Fabio Mussi, ammise la presenza di due quesiti viziati da errori: il numero 79 (che conteneva tutte le cinque risposte sbagliate), ed il 71 (più di una risposta esatta).

La domanda annullata nel 2007 Questa la prima domanda resa nulla nel 2007: "Un aereo viaggia a 800 km/ora, in assenza di vento, in direzione Est per 400 km poi ritorna indietro. Il tempo impiegato per realizzare l’intero percorso è quindi un’ora. Quando lungo il tragitto soffia un vento diretto verso Ovest (o verso Est) pari a 100 km/ora costante per tutto il percorso, il tempo di percorrenza (andata e ritorno) sarà: a) un’ora b) più di un’ora c) meno di un’ora d) più di un’ora se il vento spira da Ovest e) più di un’ora se il vento spira da Est. "Il quesito è annullato in quanto sono possibili più risposte esatte tra le opzioni indicate", spiegarono dal ministero. Il secondo quesito invalidato, la domanda 79, invece riguardava una complessa equazione: la domanda chiedeva qual era "l’insieme di tutte le sue soluzioni reali". L’annullamento è stato reso necessario perché "è omessa - spiegò il ministero - l’indicazione della risposta esatta in quanto da un’ulteriore verifica operata dalla commissione istituita per la predisposizione dei quesiti, è risultato che nessuna delle opzioni indicate può essere considerata corretta: il quesito pertanto è annullato".

In passato errori ma non ripetizione del test Contrariamente a quanto chiesto dagli studenti, supportati in quell’occasione delle associazione studentesche, con in testa l’Udu, l’accertamento degli errori non comportò però l’invalidazione delle prove: le due domande furono escluse dal computo totale e le valutazioni furono riesaminate sui 78 quesiti esatti. È improbabile quindi che quest’anno, ammesso che lo scambio di risposta al quesito 54 sia accertato, comporti la ripetizione della prova svolta lo scorso 3 settembre.