Usa, Bernanke è ottimista

A Dillon, paesino di 7mila anime nel Sud Carolina, lo aspettano oggi per festeggiarlo con tutti gli onori del caso. Del resto, non capita tutti i giorni di avere tra i propri concittadini un presidente della Federal Reserve. E così Ben Bernanke, riceverà l'Ordine di Palmetto, il riconoscimento più prestigioso assegnato dallo Stato e che è legato proprio al nome con cui è conosciuta anche la South Carolina, cioè Palmetto State. I mercati aspettano invece Ben Bernanke per ben altri motivi: vogliono decifrarne le prossime mosse in materia di politica monetaria. Ieri, prima di concedersi all’inevitabile bagno di folla, il successore di Alan Greenspan ha tenuto una conferenza a Grensville, durante la quale non si è molto sbilanciato sul tema delicato dei tassi di interesse. Ha però parlato del rallentamento in atto nell’economia, sottolineando che «il tasso di crescita potenziale dell’economia sarà forse più basso in futuro». La produttività degli Stati Uniti, comunque, probabilmente continuerà a crescere in modo solido nei tempi a venire, contribuendo ad aumentare il tenore di vita degli americani. Quanto all’inflazione, Bernanke ha aggiunto di che l’azione della Fed continuerà a essere rivolta allo stretto monitoraggio sull’andamento dei prezzi nel lungo periodo. Dopo la pausa nella lunga fase di rialzo dei tassi decisa lo scorso 8 agosto, il mercato ha cominciato a ipotizzare un taglio del costo del denaro nel 2007.

Commenti

Grazie per il tuo commento