Vini, chef stellati e un menù contro il jet lag

Vini, chef stellati e un menù contro il jet lag

Prendete otto tra gli chef migliori al mondo, incluso lo stellato Carlo Cracco, uniteli a tre esperti di vino a livello mondiale e unite il tutto con lo stile e l'eleganza tipici dell'oriente. Il risultato è il servizio gourmet di First e Business Class della Singapore Airlines, destinato a sorprendere anche il viaggiatore dai gusti più difficili. Singapore Airlines, tra le compagnie aeree al mondo più premiate per la perfezione del servizio a bordo, è stata la prima nel 1998 a creare un panel di chef, l'International Culinary Panel (ICP), e chiedere loro di studiare menù di alta cucina da poter gustare nei lunghi viaggi intercontinentali. Un lavoro di ricerca preciso e meticoloso, che deve tenere conto delle particolari condizioni ambientali in cui viene consumato il pasto, delle numerose regole che vincolano il catering a bordo e della mancanza di cucine sugli aeromobili, per cui ogni piatto preparato a terra deve uscire dalla cucina già pronto. Oltre a Carlo Cracco, l'International Culinary Panel è composto da Alfred Portale e Suzanne Goin dagli Stati Uniti, Georges Blanc dalla Francia, Matt Moran dall'Australia, Sanjeev Kapoor dall'India, Yoshihiro Murata dal Giappone e Zhu Jun dalla Cina.

Tutti i piatti ideati dagli chef e inclusi nel menù Singapore Airlines vengono realizzati nel corso di una sessione diMeal Development a Singapore. L'idea dello chef viene cucinata e riprodotta nelle strutture della compagnia, in grado di ricreare le stesse condizioni di un aeromobile in quota. Se il risultato ottenuto a terra mantiene le proprie caratteristiche di eccellenza anche in volo, entra a far parte dell'offerta Singapore Airlines.

Il processo avviene sotto lo sguardo attento dell'Executive Sous Chef e del Manager Food & Beverage (MFB) di Singapore Airlines che sovrintendono a tutta la preparazione e hanno anche facoltà di chiedere modifiche e sostituzioni di ingredienti, con l'obiettivo di garantire che ogni portata sia deliziosa. I menù, a seconda delle tratte, vengono rivisti e aggiornati ogni due o tre mesi, anche se su voli particolarmente frequentati i piatti possono cambiare anche una volta al mese, per offrire al cliente la massima varietà.

A suggello del pasto perfetto Singapore Airlines ha pensato anche ad un eccellente selezione di vini delle migliori cantine.

Un panel di esperti famosi a livello internazionale in campo enologico - Michael Hill-Smith, Jeannie Cho Lee e Oz Clarke - seleziona l'offerta dei migliori vigneti per accompagnare nel modo giusto il pasto stellato di ogni passeggero.

I viaggiatori delle classi premium più esigenti in ambito gourmet hanno inoltre a disposizione un servizio aggiuntivo particolarmente esclusivo: si tratta di Book the Cook. Su alcune tratte consente di ordinare prima della partenza la portata principale del proprio pasto all'interno di un'ampia offerta di piatti prestigiosi. Inoltre per i più attenti alla salute dal 2016 è disponibile anche il menù Deliciously Wholesome. Studiato dagli chef ICP, contiene piatti salutari ed equilibrati, studiati per aiutare il corpo ad affrontare meglio un volo a lungo raggio e offrire proposte gustose ai passeggeri più attenti alla linea.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento