Volata scudetto, la Roma batte il Parma e torna in testa: +1 sull'Inter

La Roma trascinata da Totti ha battuto il Parma 2-1 nell'anticipo della 36/a giornata e riprende la testa della classifica conl'Inter che domani sera è impegnata all'Olimpico contro la Lazio. Ranieri: "Vinca sempre lo sport come oggi". Milan di rigore batte la Fiorentina 1 a 0

Volata scudetto, la Roma 
batte il Parma e torna 
in testa: +1 sull'Inter

Parma - La Roma ha battuto il Parma 2-1 (1-0) nell'anticipo della 36/a giornata e riprende la testa della classifica, con un punto di vantaggio sull'Inter impegnata domani sera all'Olimpico contro la Lazio. L'altelena in testa alla classifica è dunque ripresa e i giallorossi intanto esultano e sperano "nell'impresa" dei laziali contro i nerazzurri di Mourinho reduci dall'epica sfida di Barcellona in Champions.

I gol Al 5' pt: De Rossi serve Totti che al centro dell'area aggancia e salta Mirante con un pallonetto. Il Parma protesta per un presunto tocco con il braccio. Al 30' st: Totti entra in area e serve un cross preciso per la testa di Taddei che arriva sul lato sinistro e schiaccia in porta senza difficoltà. Al 36' st: Valiani dal fondo sinistro crossa in area per Lanzafame che trova una retroguardia disattenta e il tocco di testa che beffa Julio Sergio.

La partita Sembrava che non dovesse giocare e risparmiarsi per la finale di Coppa Italia di mercoledì, invece a tener vive le speranze scudetto della Roma continua ad essere il suo capitano: Totti è stato il protagonista assoluto della vittoria di Parma, con un gol, un assist e la leadership di una squadra che, in qualche modo, ha digerito lo stop con la Sampdoria e continua a crederci. La Roma si è ripresa per 24 ore la vetta della classifica. La trasferta di Parma, contro una squadra che di fatto ha già chiuso il proprio campionato, è stata però tutt'altro che una scampagnata: per la Roma si è messa bene dopo 5 minuti quando Totti l'ha portata in vantaggio con un pallonetto, contestato dai padroni di casa per un presunto tocco di mano. Ma il Parma non ha per niente fatto la vittima sacrificale: ha tenuto in mano il gioco per buona parte della partita, creato tante palle gol e qualche brivido vero ai 7.000 tifosi giallorossi arrivati al Tardini. La Roma è imputata di aver dimostrato un po' troppa sufficienza dopo essere passata in vantaggio: Valiani e Biabiany le hanno creato problemi in continuazione e davanti ha trovato poche soluzioni. Nella ripresa Ranieri ha riprovato la carta del tandem Toni-Totti e alla mezz'ora ha trovato il gol che pareva aver chiuso il match: lo zampino è stato ancora del capitano che ha messo sulla testa di Taddei un cross preciso che chiedeva solo di essere schiacciato in rete. Dopo sei minuti è finita però l'euforia e tornata la paura, quando Lanzafame, che aveva in precedenza anche scheggiato la traversa, ha insaccato di testa un cross di Valiani (il migliore dei suoi) trovando un po' distratta la difesa romanista, in particolare Burdisso e Cassetti. Nel teso finale Jimenez si è beccato il secondo giallo e non é mancato un accenno di rissa fra Totti e Mirante, portiere di un Parma evidentemente tutt'altro che in vacanza e che non meritava di uscire a mani vuote.

Ranieri "Oggi ha vinto, il calcio, ha vinto lo sport: il Parma ha fatto una partita eccellente e sono certo che anche la Lazio farà una grande partita, pur avendo di fronte una corazzata come l'Inter". L'allenatore della Roma Claudio Ranieri incassa i tre punti di Parma che lasciano accese le speranze scudetto e che lanciano i giallorossi verso la finale di Coppa Italia di mercoledì. "Abbiamo fatto una prestazione - ha detto Ranieri - ma poi decidono gli episodi, con la Samp ci sono stati contrari oggi ci hanno sorriso, grazie anche al nostro pubblico che ci ha fatto sentire a casa al Tardini. Totti? Ancora non è al top, ma è meraviglioso vederlo giocare. Mercoledì giochiamo con l'Inter per una Coppa Italia a cui teniamo tantissimo. I nerazzurri sono in corsa per lo slam, noi cercheremo di metter loro i bastoni tra le ruote in tutti i modi".

Di Lazio-Inter di domani ha parlato anche Daniele De Rossi, ai microfoni di Sky: la squadra di Reja contro quella di Mourinho. dimostrerà lo stesso impegno del Parma? "Non vedo perché no - ha risposto De Rossi -. Anzi, forse la Lazio ha anche più stimoli del Parma visto che ha una situazione più delicata di quella del Parma. Spero e penso di sì. In Inghilterra, neanche se li pongono questi problemi e questi quesiti. Farà la sua partita. Non vedo perché in Italia ci debba essere sempre la girandola delle ultime tre di campionato che sembrano già scritte". Ma De Rossi ce la farà a tifare Lazio? Sì, alla grande. Come no? Certo", ha sottolineato 'capitan Futuro'. Soddisfatto il tecnico del Parma Guidolin: "Abbiamo dimostrato di che pasta siamo fatti e non meritavamo certo di perdere perché abbiamo fatto una partita eccellente". Polemico, invece, l'ad Pietro Leonardi: "Siamo orgogliosi di avere questi ragazzi e meritavamo di vincere" ha detto. Insoddisfatto, però, per le decisioni di Rocchi: "gli episodi? - ha detto rivolgendosi ai cronisti - giudicate voi...". 

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti