Volevano uccidere i figli di due pentiti: 4 arresti

Avevano progetto l'omicidio di due ragazzi di 7 e 11 anni e un di giovane appena maggiorenne per convincere due collaboratori di giustizia di Niscemi a non rivelare i segreti di Cosa Nostra. La Dda di Catania li ha bloccati: si erano già procurati le armi

Volevano uccidere i figli di due pentiti: 4 arresti

Niscemi - Per indurre due uomini di Cosa Nostra a non diventare collaboratori di giustizia, pianificavano l’uccisione di bimbi. L’idea era quella di ammazzare due bambini di 7 e 11 anni e un ragazzo appena maggiorenne, figli e parenti dei pentiti in pectore. Ma la squadra mobile della questura di Caltanissetta e gli uomini del commissariato di Niscemi e di Vittoria li hanno intercettati, pedinati e fermati, nel corso della notte, su ordine del pm Fabio Scavone, della Dda di Catania.

Domani la convalida I magistrati titolari dell’inchiesta che ha sventato il piano di Cosa nostra di uccidere i tre figli di un neo collaboratore di giustizia a Niscemi, i sostituti della Direzione distrettuale antimafia della procura della Repubblica di Catania Fabio Scavone e Francesco Testa, chiederanno domani la convalida dei quattro fermi eseguiti dalla polizia al gip del tribunale di Caltagirone.

Intercettazioni Il provvedimento, si sottolinea in ambienti giudiziari, è stato disposto per associazione mafiosa ma fa seguito a un’intercettazione telefonica in cui si ascolta l’avvio del piano di uccidere i figli di un pentito: i promotori dell’agguato affermavano di essersi già procurate le armi e di avere eseguito sopralluoghi nella casa di campagna dei loro obiettivi. Le intercettazioni ambientali avevano già evidenziato una "saldatura" dei nuovi uomini dei clan di Niscemi e Vittoria, come avvenuto all’inizio degli anni Novanta, con l’intento di potenziare Cosa nostra anche a Gela

Commenti