Voltaggio Un festival d’arte contemporanea in omaggio alla Duchessa di Galliera

L’occasione è il bicentenario della nascita di Maria Brignole Sala De Ferrari, la Duchessa di Galliera, nobildonna nota per la sua filantropia nel territorio genovese e voltaggino. Ed ecco che a Voltaggio appunto, in provincia di Alessandria, Comune e Fondazione Pio Istituto De Ferrari Brignole Sale hanno organizzato un festival d’arte contemporanea (mostra e convegno). L’inaugurazione è prevista per oggi e domani, quando si apriranno ufficialmente i battenti di «Senso Orario» manifestazione tutta incentrata sul tema del tempo inteso come dimensione che plasma luoghi e identità.
Si tratta di un esperimento di promozione del territorio che passa attraverso le suggestioni dell’arte contemporanea.
Cinque artisti, selezionati dalla curatrice Valentina Tanni, hanno re-interpretato attraverso le loro opere gli spunti storici, culturali e paesaggistici che il territorio voltaggino offre. I lavori «site specific» sono stati pensati in relazione al territorio che li ospiterà, con un legame tra passato e presente attraverso il potere evocativo dell’arte. Punto di partenza è la figura della Duchessa di Galliera.
Per riuscire a realizzare i loro lavori, l’anno scorso gli artisti sono stati ospitati dal Comune per un periodo di ricerca e studio per visitare i luoghi, parlare con gli abitanti della zona e prendere confidenza con il posto. Le loro opere verranno collocate in alcuni dei luoghi simbolo della storia della Duchessa a Voltaggio.
I lavori, molto diversi tra loro per stile, atmosfera e medium utilizzato, offrono una campionatura delle diverse espressioni dell’arte contemporanea recente. Gli artisti che esporranno nel festival «Senso Orario» sono Bianco-Valente, Mariagrazia pontorno, Roberto Pugliese, Tamara Repetto e Marcella Vanzo.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.