«Vuoi il rispetto del contratto? Allora vattene pure»

RomaQuelli che seguono sono stralci di un colloquio Tra Simona M. e un segretario territoriale della Cgil calabrese. Il testo completo è allegato alla causa che l’ex dipendente ha intentato contro i responsabili del sindacato. Simona, dopo anni da collaboratrice sottopagata all’Inca Cgil di San Marco Argentano, ottiene un contratto part time a Castrovillari, ma lavora a tempo pieno per il sindacato. Pretende la regolarizzazione, che gli era stata promessa. Ma non arriva mai.
Il segretario
«Tu devi solo lavorare, le condizioni le decide l’organizzazione, quindi questa insofferenza, questa insubordinazionale, orari, ferie e cazzi vari, sono delle cosucce che non ti fanno assolutamente onore. Tu devi rispettare le regole dell'organizzazione». (...)
Simona
«Il mio problema è stato nel momento in cui l'Inca nazionale scende qui e mi dice: c'è la possibilità che ti venga fatto un contratto all'interno della Cgil di Castrovillari, accetta perché si creeranno le condizioni per un futuro migliore. Quello che mi viene proposto a Castrovillari è stato un contratto part time a 21 ore laddove io, per sette anni...».
Il segretario
«Quello che ti viene proposto a Castrovillari è quello che l'Inca nazionale ti ha dato, è una cosa legale».
Simona
«Perfetto, se è una cosa legale e se parliamo di legalità e di regole allora ti dico, accetto».
Il segretario
«Non sei sulla giusta via. Quello che dici è ancora peggio».
Simona
«Perché?».
Il segretario
«Perché tu che sei disoccupata, tu che non hai speranza, tu che sei stata per sei anni a morire di fame, sei stata in un'organizzazione senza diritti e senza regole, ti stai ponendo il problema dell'orario di lavoro?».
Simona
«Si, me lo sto ponendo».
Il segretario
«Per me te ne puoi andare subito Simona!». (...)
Simona
«Perché?».
Il segretario
«Perché ti dico che se hai il problema dell’orario di lavoro te ne puoi anche andare! Subito!».
Simona
«Io ho un contratto part time, mi dici perché io avendo un contratto part time nella Cgil di Castrovillari, non posso rispettarlo?».
Il segretario
«Abbiamo finito te ne puoi andare» (...) «Se il tuo problema è l’orario di lavoro e cioè rispettare l’orario di lavoro part time non ti sei guardata intorno». (...) «Secondo me se tu vieni qua a chiedere di rispettare il part time finché non ti sarà riconosciuto il tempo pieno stai sbagliando. Commetti un grave errore. Io esprimo da questo momento un giudizio negativo». (...)
«Se tu rispondi al futuro tuo segretario generale che hai il problema dell'orario, perché tu vuoi rispettare l'orario e il contratto, è un modo altrettanto sbagliato di porti nei confronti della tua azienda, che non è nemmeno l'azienda del padrone. È un'azienda collettiva fatta di gente che ha buttato una vita di sacrifici per arrivare al punto di dare a te una prospettiva».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.