Battute sconce: per un uomo su quattro sono normali al lavoro

Uno studio condotto da Ipsos MORI e dal King's College di Londra ha evidenziato che il 28% degli uomini pensa sia normale fare battute sconce sul posto di lavoro

Fare battute sconce, a sfondo sessuale, è diventato sempre più comune e lo si fa ovunque: tra amici al bar o per strada e persino sul posto di lavoro. Oramai il confine tra ciò che si può dire e ciò che non si può è sempre più sottile e quasi invisibile. Ciò è stato dimostrato di recente da una ricerca; infatti è emerso che più di un uomo su quattro pensa che sia accettabile raccontare barzellette spinte al lavoro.

L'indagine, condotta da Ipsos MORI e dal Global Institute for Women's Leadership presso il King's College di Londra, è stata condotta su un campione di 20.000 persone in 27 paesi in occasione della Giornata internazionale della donna che si celebra annualmente l'8 marzo. Da quanto è emerso, il 28% degli uomini pensa che i racconti o le battute a sfondo sessuale siano accettabili sul posto di lavoro, rispetto al 16% delle donne. Sembra, sempre secondo i risultati di questo studio, che gli uomini britannici stiano accettando di più questo comportamento rispetto alla controparte femminile in alcuni paesi come l'Australia, il Canada e gli Stati Uniti. In più, a livello globale, il 15% degli uomini intervistati - contro il 9% delle donne - ha ritenuto accettabile che si chieda a una collega un appuntamento anche se in precedenza era stato detto loro di no.

È stato anche scoperto che sempre più uomini britannici (il 58%, rispetto al 48% delle donne) sarebbero a proprio agio nel chiamare un collega anziano per fare un commento sessista. Sui risultati e sulla loro chiave di lettura è intervenuto Kelly Beaver, amministratore delegato degli affari pubblici di Ipsos MORI, che ha detto: "Le nostre ricerche dimostrano che abbiamo ancora molta strada da fare per la parità, soprattutto sul posto di lavoro. La Giornata internazionale della donna è un ottimo promemoria ogni anno per pensare a dove siamo diretti e fino a che punto siamo arrivati ​​nella lotta per l'uguaglianza di genere. I nostri dati mostrano che le persone sentono che la carriera delle donne è significativamente più a rischio degli uomini se rifiutano un progresso romantico, se parlano della loro vita familiare o non prendono parte alle attività sociali con i colleghi." Infine, sempre secondo gli autori, in Gran Bretagna le persone pensano che la carriera delle donne abbia molte più probabilità di essere danneggiata rispetto agli uomini a causa di determinate scelte lavorative.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.