2. Per chi ha acquistato un pacchetto turistico

Se una persona deve ancora partire, il consumatore ha diritto al rimborso integrale di quanto versato, salvo decida di accettare in alternativa un cambio di destinazione, di data o un bonus. Se sceglie il rimborso, la somma di denaro già corrisposta deve essergli restituita entro sette giorni lavorativi dal momento della cancellazione. In questo caso, invece, non ci sono controversie e il consumatore non ha diritto a un risarcimento del danno, dal momento che si tratta di un caso di forza maggiore. Per chi era già in vacanza, in caso di rientro anticipato, il tour operator deve restituire la differenza tra il costo delle prestazioni originariamente previste e quello delle prestazioni effettuate fino al momento del rientro anticipato, detratti i costi generali. L'organizzatore, nei limiti del possibile, deve mettere a disposizione del consumatore un mezzo di trasporto per il ritorno al luogo di partenza. Se non lo fa, il consumatore ha diritto di cercare autonomamente soluzioni alternative per rientrare dalle vacanze e può farsi rimborsare dal tour operator le spese del rientro.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti