Action colpisce ancora: «okkupati» altri due edifici

Azione dimostrativa di Action, il movimento di lotta per la casa, che ieri ha «okkupato» due stabili: uno è un deposito di proprietà della Provincia in via Emanuele Filiberto all’angolo con via Manzoni; l’altro è un edificio ex Asl in via Antonio Tempesta, 262 a Tor Pignattara. Nel secondo edificio hanno trovato ospitalità circa sessanta famiglie che hanno lasciato l’occupazione di via delle Rupicole a Torre Maura mentre il primo è stato liberato dopo, spiegano gli attivisti di Action, «l’offerta da parte della Provincia di un tavolo di trattative con il movimento di lotta per la casa per decidere la destinazione d’uso dello stesso stabile». Action ha definito lo stabile di via Emanuele Filiberto «vuoto da anni e mai utilizzato» e ha detto di voler «denunciare la precarietà di quanti vivono in condizioni di estremo disagio abitativo e occupazionale».
Duri Federico Mollicone e Stefano Tozzi, rispettivamente presidente della commissione Cultura del Comune di Roma e capogruppo Pdl in I Municipio. «Non vorremo - dicono - che questa storia delle occupazioni simboliche non fosse altro che un modo per ottenere, senza ottemperare alle graduatorie e al rispetto delle regole, diritti acquisiti. Certo è che la Provincia non fa certo una bella figura con questa occupazione di un edificio centrale, abbandonato da anni, e che potrebbe essere usato come luogo di aggregazione culturale e sociale per gli studenti».

Commenti

Grazie per il tuo commento