Andrea Emo, pensieri di solidità e disincanto

Antidemocratico e antimoderno, Andrea Emo è fra le voci più originali del '900 italiano. Filosofo appartato, non pubblicò in vita nemmeno una pagina, affidando il proprio pensiero a centinaia di quaderni fitti di annotazioni che superficialmente possono essere liquidati come aforismi. Come dimostra questo volume curato da Raffaella Toffolo, il pensiero di Emo descrive un sistema filosofico solido e coerente, ma anche ironico e disincantato: «Adamo ed Eva finirono tanto male perché non ebbero dei genitori che li educassero, e nemmeno dei compagni di gioco che li sveltissero».

Luca Gallesi

Commenti