Allarme specie aliene, il Pesce leone invade il mar Mediterraneo

Dopo il granchio blu, il granchio crocifisso, la medusa a pois e tanti altri, il Pesce leone si unisce alle specie aliene che stanno invadendo il nostro mare

Allarme specie aliene, il Pesce leone invade il mar Mediterraneo
00:00 00:00

Tipico del mar Rosso e dell'Oceano Pacifico, il Pesce leone (o Pesce scorpione orientale) sta invandendo sempre di più il mar Mediterraneo, come molte altre specie hanno fatto in questi ultimi anni. Ormai le segnalazioni sono costanti: sono sempre di più le specie non autoctone che si stanno insediando nel nostro mare e sul nostro territorio, mettendo a serio rischio l'ecosistema.

Il Pesce leone nel Mediterraneo

Lo Pterois volitans, meglio noto come Pesce leone, è un pesce d'acqua salata comune del mar Rosso, ma anche dell'Oceano Pacifico. Lo si trova in Australia, in Giappone e in Polinesia. Non si tratta dunque di un soggetto appartenente al nostro mare, eppure capita sempre più spesso di incontrarlo. Secondo recenti ricerche effettuate da un team dell'università di Wageningen (Paesi Bassi), il Pesce leone sarebbe giunto nel Mediterraneo passando dal canale di Suez.

Come si legge nella ricerca pubblicata sulla rivista NeoBiota, l'invasione di questa specie è stata silenziosa ma va avanti da anni. L'arrivo dei primi esemplari risale infatti ad almeno a 10 anni fa, quando sono stati registrati i primi avvistamenti nel Mediterraneo orientale. Da lì, lo Pterois volitans si è spostato, arrivando a occupare aree più fredde, contrariamente a quello che avrebbe dovuto essere il suo habitat.

Le ripercussioni sull'ecosistema

Il Pesce leone è un predatore molto vorace, dunque può influire sul nostro ecosistema marino. Si ciba infatti di piccoli pesci e molluschi, e ciò potrebbe portare a conseguenze per la biodiversità del mar Mediterraneo. In futuro potremmo dunque veder sparire delle specie autoctone e questo andrebbe ad influire sulla pesca nostrana, provocando problemi economici.

La tossina

Non solo. Lo Pterois volitans dispone di una tossina che può causare avvelenamenti di vario grado.

Si va dal comune eritema alla comparsa di vesciche nei pressi della puntura, fino alla necrosi (morte del tessuto). Rari i sintomi che comprendono nausea, vomito, dolori, paralisi, difficoltà respiratorie, edema e ischemia del miocardio. Sebbene siano molto pochi, sono stati comunque documentati casi di morte.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica