Attualità

Il gran galà delle eccellenze italiane: in corsa per il patrimonio Unesco

Una cena che entrerà di diritto nella Storia, organizzata per celebrare la fatidica candidature della cucina italiana a patrimonio culturale immateriale tutelato dall'UNESCO

Il gran galà delle eccellenze italiane: in corsa per il patrimonio Unesco

Ascolta ora: "Il gran galà delle eccellenze italiane: in corsa per il patrimonio Unesco"

Il gran galà delle eccellenze italiane: in corsa per il patrimonio Unesco

00:00 / 00:00
100 %

Un grandissimo evento gastronomico tutto tricolore ha estasiato i palati di centocinquanta ospiti provenienti da tutto il mondo in uno dei più esclusivi locali della Grande Mela, il mitico Gotham Hall di Brodway.
Una cena che entrerà di diritto nella Storia, organizzata per celebrare la fatidica candidature della cucina italiana a patrimonio culturale immateriale tutelato dall'UNESCO.
Un riconoscimento che sarà epocale e che consacrerà l'arte culinaria del Bel Paese come bene dell'intera Umanità, al pari del Partenone o delle Piramidi d'Egitto.
Un tributo alle generazioni di ingegni italici che si sono susseguite per secoli portando la nostra cucina a raggiungere livelli leggendari.
Veri e propri maestri cerimoniali di cotanto convivio newyorkese quattro astri luminosi della cucina made in italy.
Il celebre Chef dei re Enrico Derflingher, celebre per aver fattori innamorare i reali inglesi delle bontà italiane,
il famoso Alessandro Borghese, carismatico personaggio televisivo e raffinato alchimista dei fornelli,
lo chef Gianni Tarabini, artefice della prima stessa michelin della storia assegnata ad un agriturismo valtellinese, Le Pre' Sef, e quindi Andrea Zanin, vera e propria stella polare delle eccellenze italiane in terra americana.
I quattro guru del buon mangiare italiano hanno così aperto le danze al "Summer Fancy Food", una delle fiere internazionali più importanti del settore alimentare.
La serata è stata organizzata direttamente dal Ministero delle Politiche Agricole, della Sovranità Alimentare e delle Foreste oltre che ovviamente dell'ambasciata italiana negli Usa , con il supporto dell'Istituto di Commercio Estero (ICE), rappresentati dal ministro Lollobrigida, dall'ambasciatrice d'Italia Mariangela Zappa e da Mattia Zoppas, presidente di ICE.
Un evento formidabile per promuovere ancor di più le eccellenze italiane e la grande qualità che le contraddistingue come ben affermato dal ministro Lollobrigida.
Per l'ambasciatrice Zappa la candidatura UNESCO della cucina italiana, già amatissima negli Stati Uniti, creerà nel pubblico americano una ancora più profonda consapevolezza dell'apporto della nostra tradizione gastronomica al panorama culturale dell'intero genere umano.
Dello stesso avviso anche Zoppas che ha voluto evidenziare l'abilità tutta italiana nella salvaguardia e adattabilità dei prodotti più disparati offerti dal nostro pianeta.
È stata davvero una cena straordinaria che ha davvero intonato un grande inno all'Italianità e alle nostre grandi tradizioni.

Commenti