Attualità

Nuove armi tecnologiche di contrasto alle fake news

In risposta all'allarme "infodemia" dell'Oms, Youtube inaugura l'etichetta "fonte sanitaria affidabile" per contrastare la disinformazione medica e "Tonic App" crea il Wikipedia dedicato alla salute

Nuove armi tecnologiche di contrasto alle fake news

Durante il Covid l’emergenza fake news è esplosa, soprattutto in Rete. L’Organizzazione mondiale della sanità ha denunciato il rischio infodemia, intesa come circolazione incontrollata di informazioni non vagliate e non verificate, che finiscono per generare comportamenti sbagliati da parte dei cittadini. Si sono moltiplicate negli ultimi anni le iniziative per rendere più facilmente riconoscibili e accessibili le notizie riconducibili a fonti scientifiche e istituzionali e per marginalizzare quelle di dubbia autenticità.

Salute dei cittadini, basta ciarlatani

YouTube ha una nuova strategia per combattere la disinformazione medica. Aggiungerà infatti delle etichette di “fonte sanitaria affidabile” ai video che divulgano informazioni sulla salute. I creator potranno richiedere alla piattaforma di mostrare l'etichetta sui loro video. Lo ha annunciato con un post del blog aziendale Garth Graham, il capo della divisione medica YouTube. Graham ha poi aggiunto che è la prima volta che una funzionalità del genere viene offerta a singoli utenti. Al momento la possibilità di richiedere l'etichetta di “fonte sanitaria affidabile” è disponibile solo negli Stati Uniti e in Germania, ma è possibile che venga estesa anche ad altri Paesi.

Etichette di affidabilità alle fonti sanitarie

La procedura di candidatura per diventare una “fonte affidabile” è aperta a medici, infermieri, infermieri registrati, psicologi, e assistenti sociali clinici autorizzati. Un partner terzo sarà incaricato di verificare le qualifiche professionali dei candidati. Un altro requisito sarà quello di avere almeno duemila ore di visualizzazione dei propri video negli ultimi dodici mesi e che i canali si occupino principalmente di informazione o divulgazione medica. I criteri per il mantenimento dell’etichetta di affidabilità saranno verificati periodicamente dalla piattaforma. L’autenticità dei titoli professionali e dei documenti divulgati verrà verificata con le autorità competenti, dopo di che YouTube approverà i canali, indicandoli come “professionisti sanitari autorizzati”. Le linee guida, specifica YouTube, sono state stabilite dal Council of Medical Specialty Societies e dall’Organizzazione mondiale della sanità, con l’obiettivo di costruire un quadro attorno a fonti credibili.

Nasce anche il “Wikipedia medico”

Ci sono tanti utenti che per ottenere risposte a dubbi riguardanti la salute digitano parole chiave nei motori di ricerca come Google, ricavando però informazioni approssimative e spesso non validate dalla scienza. Intorno alla startup “Tonic App” e alla sua piattaforma digitale destinata alla comunità medica sta nascendo una grande biblioteca digitale e internazionale, con il compito di smascherare le fake news in ambito sanitario e di valorizzare le informazioni chiare, trasparenti e fondate su evidenze scientifiche. Somiglierà a Wikipedia e coinvolgerà alcune associazioni italiane di sostegno a pazienti e famiglie. Informazioni e materiali prodotti dalle associazioni di pazienti, ma anche da enti pubblici e gruppi farmaceutici, verranno esaminati da un team multidisciplinare di “Tonic App”, che selezionerà le informazioni.

Commenti