Auto Ordini ancora in rosso (-35%). Promotor: «Primavera nera»

«Il livello basso degli ordini è l’indicatore delle pessime condizioni in cui il mercato italiano dell’auto si accinge ad affrontare i prossimi mesi». È Gianni Filipponi, direttore generale dell’Unrae, l’associazione che rappresenta le case estere operanti in Italia, a lanciare l’ennesimo allarme sulle prospettive del settore. «I 145mila contratti con cui si è chiuso febbraio, cifra che rispetto all’analogo mese del 2009 registra una flessione di quasi il 35% - aggiunge Filipponi - è la punta dell’iceberg di uno scenario molto negativo, all’interno del quale si evidenziano anche le forti difficoltà in cui si muove la domanda di vetture con motorizzazione a basso impatto: Gpl, metano, ibrida». Secondo l’Unrae, «la cancellazione dei bonus per questa tipologia di vetture porterà a una forte flessione delle vendite che darà vita a un difficile 2010». Quanto ai dati diffusi ieri sulle immatricolazioni di febbraio, per l’Unrae «si tratta, infatti, della coda, che si protrarrà sino a marzo, delle immatricolazioni di vetture». Anche per il Centro Studi Promotor si prospetta «una primavera nera» e da aprile le immatricolazioni dovrebbero far registrare cali rilevanti, con la previsione di una riduzione delle vendite complessive del 20% nel 2010. «Considerando l’assenza di interventi - osserva Eugenio Razelli, presidente dell’Anfia (la filiera italiana dell’automotive) - questo ci porterà al massimo a un mercato di 1,7/1,8 milioni a fine anno, dai 2,158 milioni del 2009». È dunque per nulla confortante il balzo del 20,6% delle immatricolazioni registrato a febbraio. Difficili da commentare sono anche i risultati delle singole case automobilistiche. Tra queste, il gruppo Fiat ha realizzato il mese scorso un più +16,8%, perdendo però quasi un punto di quota mercato, ora al 31 per cento.
In calo a febbraio è invece il mercato delle due ruote che ha segnato lo scorso mese, per i veicoli superiori a 50 cc, una flessione del 7,4%, come riferisce in una nota Confindustria Ancma. In particolare, il comparto scooter segna un meno 4,9%, mentre le moto registrano una diminuzione dell’11% e i 50 cc subiscono un ulteriore taglio dell’11,3%. Negative le previsioni per i prossimi mesi, che scontano l’assenza di incentivi.

Commenti

Grazie per il tuo commento