Mazda CX-5 Skyactiv G, ode alla benzina: la nostra prova su strada

La Mazda CX-5 2023, con il suo nuovo motore Skyactive-G da 165, è stata protagonista della nostra prova su strada tra Barcellona e Girona

Mazda CX-5 Skyactiv G, ode alla benzina: la nostra prova su strada

Avvitando all'indietro le lancette del tempo, riscopriamo che la Mazda CX-5 era presente già nel 2012, anno di lancio della sua versione originale. Da quel momento la C-SUV giapponese ha vissuto una costante crescita, ritagliandosi il ruolo di best-seller aziendale a livello globale, con clamorose vendite in Europa e in Italia. Nel corso della sua carriera ha ricevuto costanti e sostanziosi aggiornamenti, compreso l'avvio commerciale di una seconda generazione targata 2017.

Oggi, invece, diamo il benvenuto alla sua ennesima magia, un'ultima evoluzione che porta in dote diversi accorgimenti, tutti studiati al dettaglio seguendo il feedback dei clienti di CX-5 che nel corso di questa decade l'hanno scelta come propria compagna di strada. Una delle novità è il motore 2.0 Skyactiv-G da 165 cavalli arricchito dal sistema mild hybrid, protagonista della nostra prova su strada in Costa Brava, in Catalogna.

Squadra che vince non si cambia

La CX-5 è colei che ha introdotto il Kodo Design, solida filosofia e cifra stilistica di tutte le vetture di Hiroshima. La versione 2023 non è esente dal proseguire questa tradizione, che raggiunge la sua massima maturità e concretezza. Da ogni angolatura la si guardi, la CX-5 ha delle forme armoniche e dinamiche, con un muso molto carismatico. I fari diventano Full LED sia all'anteriore che al posteriore, guadagnando quel tocco di contemporaneità che non guasta. Nel frattempo le tinte per la carrozzeria diventano dieci, con il Rhodium White Premium che va a sostituire il precedente Snowflake White.

Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G: guarda la gallery 9

All'interno, invece, si percepisce la solita maniacale cura per materiali e assemblaggi, che proiettano questo modello in una dimensione premium. Nutrita la presenza di tasti fisici, tutti molto ben disposti, mentre l'infotainment si affida a uno schermo da 10,3'' che può appoggiarsi alla connettività Android Auto e Apple CarPlay, finalmente senza fili; soltanto in quest'ultimo frangente lo schermo diventa touch, altrimenti bisogna gestire le sue funzioni tramite il rotore collocato nel tunnel centrale.

Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G: guarda la gallery 9

Come va su strada la Mazda CX-5

In una fitta serie di test sulle strade tra Barcellona e Girona, dove abbiamo saggiato anche le qualità della "sorella maggiore" CX-60, siamo andati alla scoperta delle doti dinamiche e ciclistiche della versione equipaggiata con il nuovo propulsore 2.0 Skyactiv-G da 165 CV. Questa particolare unità si avvale di una tecnologia intelligente Mazda M Hybrid da 24 V, utile per abbassare i consumi di carburante, sfruttando l’energia recuperata durante la decelerazione.

Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G: guarda la gallery 4

La vettura della nostra prova poteva contare sul cambio automatico a sei rapporti e sulla trazione integrale, dotazioni fondamentali per dar battaglia in uno dei segmenti più competitivi del mercato. Con la C-SUV nipponica abbiamo affrontato qualche centinaio di chilometri muovendoci tra strette e tecniche vie collinari, così come in più ampie strade a rapido scorrimento. Il suo comportamento è sempre stato vivace, brillante ma senza eccessi. L'assenza del turbo dona alla Mazda una personalità amabile, facendoci riscoprire il piacere di una guida in cui se si vuole aggiungere un po' di pepe, è necessario mandare le lancette dei giri verso la zona rossa. Allora il suo fascino esplode con ancora più vigore grazie alla colonna sonora offerta da un motore che canta piacevolmente, sia a livello di aspirazione che di scarico. Lo sterzo seppur un po' leggero, è comunicativo.

Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G: guarda la gallery 3

Certamente non stiamo parlando di una vettura sportiva, anzi, il comfort di marcia è il suo timbro distintivo. Il lavoro fatto per quanto riguarda insonorizzazione e assorbimento delle asperità del terreno, grazie alle sofisticate sospensioni, è di primissimo piano. La vettura infatti risulta comoda, sensazione accentuata dalla seduta alta e stabile con una bella visibilità complessiva.

Consumi bassi

Il lavoro svolto dai tecnici Mazda per affilare gli artigli del suo Skyactive-G da 165 CV è stato orientato anche alla riduzione dei consumi, grazie a un sistema di spegnimento di due cilindri che subentra quando il driver non richiede troppa spinta. Il costruttore nipponico per la sua amata CX-5 dichiara un consumo medio di 6,9 km/100 km, un dato molto vicino alla realtà anche se noi abbiamo consumato qualcosa in più (7,4 litri ogni 100 km). In ogni caso, per i grandi stradisti a listino restano le celebri versioni 2.2 a gasolio da 150 e 184 CV, mentre per chi è alla ricerca di emozioni più intense c'è l'altro aspirato da 2,5 litri a benzina e 194 CV.

Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G: guarda la gallery 11

Allestimenti e prezzi

Sulla Mazda CX-5 2023 gli allestimenti sono quattro:

  • Centre Line: cerchi in lega da 19" con inserti Black, fari Full LED e vetri scuri, rivestimenti in tessuto nero; sistema infotainment con 6 altoparlanti completo di navigatore satellitare, 4 prese USB di cui le 2 anteriori con standard USB-C, connessione wireless per Android Auto ed Apple Carplay;
  • Exclusive Line: che aggiunge il portellone posteriore elettrico, i fari anteriori a matrice di LED, un impianto audio BOSE con 10 altoparlanti e la ricarica Qi wireless per lo smartphone. Sono compresi ulteriori sistemi di sicurezza come il monitor 360°, il Cruise Control Adattivo completo della funzione Traffic Jam per la guida in colonna e l’utilissimo Head Up Display che proietta sul parabrezza del guidatore le principali informazioni di guida;
  • Homura: finitura in nero lucido per la calandra, le ali, le sezioni inferiori dei paraurti, i passaruota, le modanature delle porte e gli specchietti retrovisori esterni. I cerchi in lega da 19" sono rifiniti in tinta nera metallizzata mentre gli accenti della calandra sono rossi. Rosse sono anche le cuciture sulla pelle nera dei sedili, del volante, della leva del cambio e dei pannelli delle portiere. I sedili parzialmente in similpelle hanno le parti centrali in pelle scamosciata artificiale “Gran Luxe” e sono inoltre rifiniti con cuciture rosse;
  • Takumi: finitura lucida dei cerchi in lega da 19" color argento. Interno con pelle Nappa e lussuosa trama con venature di vero legno sulla plancia e sui pannelli delle porte anteriori e posteriori.

Prezzi compresi tra i 36.700 e i 50.050 euro.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Pubblica un commento
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette. Qui le norme di comportamento per esteso.
ilGiornale.it Logo Ricarica