Aveva 48 anni È morto Corso Salani, il protagonista de «Il muro di gomma»

Grave lutto nel cinema italiano. Nella notte fra mercoledì e giovedì è morto Corso Salani, regista, sceneggiatore e attore. Nato a Firenze nel 1961, Salani era stato nel 1991 protagonista de «Il muro di gomma» di Marco Risi e, recentemente, di «Mar Nero», diretto dall’esordiente Federico Bondi. Regista e autore impegnato, fra documentario e fiction («bisogna abbattere questo confine», diceva), e attore scarno ed efficace, perfetto per il cinema indipendente, Salani era attualmente impegnato nella lavorazione di una nuova docufiction, «I casi della vita», prodotto dalla Kairos Film di Francesco Pamphili. «Ieri Corso ha lavorato tutto il giorno al premontaggio del film - dice il produttore della docufiction - e in serata ha accusato un malore improvviso mentre passeggiava sul lungomare di Ostia con la moglie Margherita».
Marco Risi è sconvolto dalla morte del collega, giunta a pochi giorni dalla proiezione a Bologna de «Il muro di gomma» in occasione del trentesimo anniversario della strage di Ustica. «È stata una frustata - dice il regista -, era una persona preziosa, gentile, educata, uno che non se la tirava. Era la persona che avrei voluto essere».
I funerali di Salani si svolgeranno domani a Firenze.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti