Aziende

Ryanair ferma il giorno di Natale: 500 aerei restano a terra

La compagnia irlandese mantiene la tradizione e lascia a terra i suoi oltre 500 velivoli

Ryanair ferma il giorno di Natale: 500 aerei restano a terra

Non c'è crisi economica che tenga: anche quest'anno, come da tradizione, Ryanair, la più grande compagnia aerea low cost d'Europa, nonché la seconda a livello mondiale, ha scelto di lasciare a terra i suoi oltre 500 velivoli per il giorno di Natale.

"Ogni minuto che un aereo resta a terra fa perdere soldi", è sempre stato il mantra dell'amministratore delegato del gruppo Michael O'Leary. E in effetti è proprio così che funziona quotidianamente: più un velivolo addetto al trasporto di persone vola e più genera profitti, permettendo in primis di sostenere gli ingenti costi di gestione. Ma la celebre frase del Ceo di Ryanair è valida per 364 giorni all'anno: il 25 dicembre, infatti, resta a terra l'intera flotta di Boeing 737 e Airbus A320. Anche nel 2022, quindi, pur con la necessità di incassare qualche profitto in più, specie nel periodo più "caldo" dell'anno", la compagnia irlandese ha deciso di mantenere la propria tradizione, sospendento ogni operazione in concomitanza del giorno di Natale. Si tratta di un unicum, quantomeno per ciò che concerne il continente europeo. Fino ad ora, nell'anno che sta volgendo al termine, Ryanair ha trasportato in giro per il mondo oltre 161 milioni di persone, che sarebbe il record storico aziendale.

"Ecco la mappa che mostra tutti i velivoli di Ryanair oggi alle 16 Tempo coordinato universale", twittava ieri, 25 dicembre 2022, il portale online Flightradar24, sito che si occupa di tracciare i voli. E proprio sulla cartina dell'Europa postata sul celebre social dai responsabili del sito non c'era traccia alcuna di velivoli appartenenti alla compagnia irlandese. Come riferito da Il Corriere, quindi, Ryanair ha lasciato a terra tutti i suoi 494 Boeing 737 ed i 29 Airbus A320 nelle 88 basi europee.

Durante la vigilia, stando ai dati riferiti da Eurocontrol, la compagnia ha effettuato 1.668 decolli, con una media quotidiana nella settimana compresa tra 18 e 24 di dicembre di ben 2.300 voli. Per la statistica, l'ultimo aereo Ryanair ad alzarsi nei cieli è stato il Sofia (Bulgaria)-Catania (ore 18:59 del 24 dicembre), mentre l'ultimo velivolo della compagnia aerea ad atterrare, invece, il Tel-Aviv (Israele)-Bucarest (Romania), per la precisione alle ore 20:17. La ripresa dei voli dopo 24 ore, come da tradizione: per la giornata di oggi, infatti, sono in programma complessivamente 2.135 voli.

Commenti