Banche: Carige firma la convenzione «salvaimprese»

Banca Carige aderisce all'intesa tra ministero dell'Economia e Abi sulla sospensione dei debiti delle Pmi verso il sistema creditizio. Gli effetti dell'accordo si estendono anche alle altre 4 banche del gruppo: Cassa di risparmio di Savona, Cassa di risparmio di Carrara, Banca del monte di Lucca e Banca Cesare Ponti

Per sostenere le piccole-medie imprese italiane in difficoltà il presidente di Banca Carige Giovanni Berneschi ha firmato l'adesione all'intesa tra ministero dell'Economia e Abi sulla sospensione dei debiti delle Pmi verso il sistema creditizio. L'accordo, i cui effetti si estendono anche alla altre 4 banche del gruppo (Cassa di risparmio di Savona, Cassa di risparmio di Carrara, Banca del monte di Lucca e Banca Cesare Ponti) prevede la possibilità di sospendere temporaneamente il pagamento della quota capitale delle rate o dei canoni relativi a operazioni di mutuo o di leasing, l'allungamento a 270 giorni delle anticipazioni bancarie sui crediti e numerosi altri vantaggi. L'obiettivo del gruppo Banca Carige è dare un ulteriore aiuto concreto alle aziende in crisi ma aventi adeguate prospettive economiche proprio nel giorno in cui la Banca centrale europea annuncia che «la recessione è un punto di svolta e frena il calo del Pil». Il sostegno finanziario alle imprese di piccola-media dimensione è un'asse portante della politica di sviluppo del gruppo Banca Carige, storicamente focalizzata sull'erogazione di servizi a questa tipologia di clientela. «Da sempre - ha dichiarato il presidente Berneschi - il gruppo Banca Carige affronta in modo attivo le situazioni di difficoltà superabili delle aziende. Pur nel difficile contesto congiunturale il nostro sostegno rapido e puntuale alle imprese nostre clienti non mancherà certamente». «L'intesa - ha aggiunto - si somma alle misure di intervento specifiche di sostegno all'economia già attuate, e coinvolge il ministero dell'Economia e l'Abi, per cui ha la peculiarità di essere un'iniziativa ad ampio spettro, che interesserà l'intero sistema Paese».
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.