Berlusconi su Facebook: "Stagione delle riforme" Bersani replica: "Noi siamo per dialogo, lui no"

Messaggio del premier ai lettori del <em>Giornale</em> dalla nostra pagina di Facebook. Prima volta del premier sui social network. Il leader Pd: <strong><a href="/interni/pd_bersani_il_partito_e_piedi_ora_accelerare_noi_siamo_disponibili_dialogo_berlusconi_no/politica-voto-elezioni_2010-pd-bersani/01-04-2010/articolo-id=434313-page=0-comments=1" target="_blank">&quot;Noi disponibili, non lui&quot;</a></strong>. <strong>COMMENTO</strong> <strong><a href="/interni/silvio_discute_con_tutti_su_facebook/02-04-2010/articolo-id=434333-page=0-comments=1" target="_blank">E' il predellino digitale
</a></strong>

Milano - Il presidente del Consiglio ha parlato in esclusiva ai lettori del Giornale sulla nostra pagina di Facebook. E' la prima volta che Berlusconi utilizza i social media, e lo ha fatto per ringraziare gli elettori per l'esito di questa tornata elettorale. Per ascoltare il messaggio del premier basta cliccare sul banner "Diventa nostro fan su Facebook", nella parte alta della home page del Giornale.it.

Il messaggio di Berlusconi “E’ con grande piacere che saluto le amiche e gli amici del Giornale – ha dichiarato il premier -. Facebook è una nuova occasione per conoscersi è una piazza virtuale dove è possibile presentare e difendere le proprie idee e soprattutto quando si accende il confronto politico. Noi, per quanto ci riguarda, veniamo da una difficile campagna elettorale e molti di voi si sono schierati al nostro fianco nel nome dei nostri stessi valori, dei valori di libertà e di democrazia. Lo state facendo anche ora su Facebook difendendo le vostre posizioni, i successi del nostro buon governo, i nostri programmi, i nostri candidati. Per questo vi ringrazio di cuore, uno a uno”.

"L'ottimismo ha vinto sul catastrofismo" "Se abbiamo ottenuto una ottima vittoria elettorale, se la positività e l’ottimismo hanno vinto sul pessimismo e sul catastrofismo della sinistra è anche grazie a voi – ha proseguito Silvio Berlusconi -. Adesso inizia un periodo di tregua elettorale e potremo finalmente avviare la stagione delle grandi riforme: la riforma dello Stato, una grande e profonda riforma della giustizia, una grande riforma con l’ammodernamento del fisco. Sono convinto che nel momento in cui si interviene su temi così importanti, sia fondamentale ascoltare i suggerimenti dei cittadini e formulare delle scelte in sintonia con il sentire del nostro popolo. Per ottenere questi risultati utilizzeremo internet e naturalmente anche Facebook, prestando a voi, amici del Giornale, la massima attenzione. Insieme potremo costruire una grande rivoluzione liberale per rendere il nostro paese più moderno e più libero. Grazie a tutti, un abbraccio a ciascuno di voi".

Ai Promotori: "Opposizione abbandoni l'ostilità" L'opposizione abbandoni "finalmente" i toni e gli atteggiamenti di "ostilità preconcetta". È l’auspicio del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che aggiunge: "Comunque avvieremo le riforme e giungeremo all’obiettivo". In un messaggio affidato al sito internet dei Promotori della Libertà, il premier afferma: "Nei prossimi tre anni realizzeremo le grandi riforme: l’architettura costituzionale dello Stato, la giustizia, il fisco. Non sappiamo se l’opposizione, o almeno una parte di essa, abbandonerà finalmente i toni e gli atteggiamenti di ostilità preconcetta sinora messi in campo. Me lo auguro. Noi comunque avvieremo il percorso delle riforme e giungeremo all`obiettivo di fare dell`Italia una Nazione più efficiente e più moderna".

Piano casa "Ora, con i nostri alleati, governiamo la maggioranza delle regioni, ovvero 42 milioni di italiani. Con la sintonia che si è creata tra il governo centrale e quelli locali potremo attuare celermente il nostro programma sul piano-casa, sulla sanità, sul taglio della burocrazia, sulla tutela del verde", ha proseguito il premier.
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.