Bfly, la farfalla prende il volo del successo

Bfly, la farfalla prende il volo del successo

Dopo il grande successo riscosso col brand ormai famoso e conosciutissimo «Repubblica di Genova», Walter Skara si espone sul mercato su scala nazionale col marchio Bfly, ma questa volta con un'idea di fondo un po’ diversa dalla creazione del solito logo, che ha del singolare...
Walter è un adulatore dei Queen da quando era pressapoco 15enne, e vanta una grandissima collezione di vinili che vanno dai primissimi anni '70 fino agli anni ’90, rarissimi e alcuni introvabili e costosissimi, collezionati con tantissima fatica in tanti anni di dure e pazienti ricerche, per fiere e fiere, e tramite collezionisti di tutto il mondo, per cui è abituato a «soffrire» e a guadagnarsi le cose rare e uniche. Decide di inventare un simbolo, un logo, che si riconducesse alla vita e ai successi del gruppo musicale più grande di tutti i tempi, quasi a ricordare in maniera più forte, non solo ascoltando i loro dischi, la grandiosità dei 4 musicisti londinesi.
Bfly nasce nel 2007, in un momento di riflessione sulla vita del grande Farrokh Bulsara, in arte Freddie Mercury, riferendosi a una frase, nella sua ultima nota composizione prima di spegnersi, «the show must go on», che recitava: «my soul is painted like the wings of butterflies, fairytales of yesterday will grow but never die, I can fly, my friends...» (la mia anima è colorata come le ali delle farfalle, le fiabe di ieri crescono ma non moriranno mai, io posso volare, amici miei...). E la farfalla rappresenta un po' la vita del cantante, scomparso prematuramente a soli 45 anni, nella sua dimora londinese di Kesington, lasciando un popolo di milioni e milioni di fan. Al tempo stesso la farfalla vuole esprimere una serie di sentimenti con cui convive l'essere umano: libertà, avventura, mutevolezza.
Due anni dopo, in una splendida giornata d'estate, all'interno del parco naturale del Portofino Kulm, il giovane racconta la sua storia e mostra agli amici Marco e Ugo Belloni, conosciuti meglio come Zeffirino, il suo nuovo logo. Walter, Marco e Ugo, quasi per gioco, tra una chiacchierata e l'altra, iniziano a progettare e definire il lancio di un nuovo brand di abbigliamento e accessori firmato Bfly, un incontro giocoso che si rivelerà decisivo e di successo. Nasce così Bfly, match perfetto che racchiude creatività e business. Walter Skara fonda così la Skara Group, unendo caparbietà, tenacia e voglia di sfondare nel campo dell'abbigliamento alla decennale esperienza della famiglia Zeffirino, conosciuti in tutto il mondo per la loro arte culinaria, scegliendo, così come aveva fatto per il marchio «Repubblica di Genova» nel mondo prettamente del calcio di serie A, sempre testimonial di rilievo che potessero dare valore aggiunto al brand; sceglie così altri volti del mondo dello spettacolo, mondo in cui ha già dimostrato di destreggiarsi sapientemente, questa volta volti giovani del calibro di Federica Torti e Benedetta Mazza, quest'ultima astro emergente di Raiuno, personaggi del mondo dello sport già a lui cari, come Graziano Cesari, e per ultimo, forse il più oculato e «studiato», un testimonial della notte, della vita notturna, che farà prendere il volo a questa farfalla, il volto di Giulia Regain, pensate, considerata una delle dj più richieste al mondo! Anche lo «Studio 6» dopo essersi guadagnato la fiducia con tre anni di collaborazione per il marchio genovese «Repubblica di Genova» si trova ora a seguire il progetto del marchio Bfly di Skara group. È lo staff dello studio genovese a curare la comunicazione visiva del marchio in tutti i suoi settori: Bfly moda per il settore della moda e Bfly beach club per il nuovo splendido locale sul mare di Loano.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti