Bimbo ammazzato dal pirata della strada

Un bimbo di cinque anni che attraversava la strada con il papà per tornare a casa, un signore di 57 anni a bordo del suo scooter, un venticinquenne che a differenza degli altri due si è salvato ma rischia seriamente di passare il resto della vita senza una gamba: tre storie diverse unite da un unico filo conduttore: un pirata della strada che dopo aver provocato l’incidente non si è fermato a prestare i soccorsi.
Francesco Pira, il bimbo di 5 anni, è morto a Orotelli, un paesino in provincia di Nuoro. Verso le 13 di ieri con il papà allevatore stava tornando a casa dove c’era la madre ad aspettarli per il pranzo. Quando Francesco ha attraversato corso Vittorio Emanuele, la strada principale del paese, è stato però travolto dall’ Honda di Antonello Pittalis, 33 anni, allevatore anche lui, che dopo l’incidente ha abbandonato la moto e il casco ed è fuggito. Il bimbo è stato immediatamente soccorso dal padre Andrea che ha chiamato il 118: inutile però è stato il tentativo dei medici di rianimare il piccolo, che è morto all’ospedale di Nuoro. Poco dopo l’incidente i carabinieri hanno individuato Pittalis e lo hanno arrestato con l’accusa di omissione di soccorso e omicidio colposo.
Stesse accuse, con l’aggravante della guida sotto l’effetto di droga, per Adriano Torasso, il venticinquenne che ieri mattina alle porte di Gassino, nel Torinese, ha travolto e ucciso Claudio Cavazzi, un signore di 57 anni, ed è fuggito subito dopo l’incidente. Il giovane stava viaggiando sulla statale 590 della Val Cerrina a bordo di una Punto.
Probabilmente a causa degli effetti della droga - è risultato positivo alla cannabis - ha invaso la corsia opposta al suo senso di marcia: prima ha urtato un’altra Punto su cui viaggiava una famiglia, fortunatamente senza provocare feriti, e un chilometro più avanti ha travolto Cavazzi che era a bordo del suo scooter. Poche ore dopo l’incidente i carabinieri hanno rintracciato il giovane: nel corso della perquisizione hanno trovato 15 proiettili e venti grammi di marijuana, oltre a delle piante di cannabis sistemate vicino casa.
Non è stato ancora rintracciato invece il pirata della strada che a Bari, nel rione Poggiofranco, ha travolto un giovane che era sul suo scooter, tranciandogli di netto la gamba sinistra dall’inguine in giù. Paolo Venezia, 25 anni, è stato soccorso e trasportato al Policlinico, dove i medici si sono riservati la prognosi e stanno valutando la possibilità di recuperare la gamba. A travolgerlo, secondo quanto ha accertato la polizia municipale che ha raccolto alcune testimonianze, sarebbe stata una Opel Astra di colore grigio. E ora la si cerca, cominciando dalle autofficine dove il pirata potrebbe portare l’auto per nascondere le tracce.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti