Il bimbo schiacciato tra due auto vittima di una tragica fatalità

All’improvviso la Smart parcheggiata della madre si è mossa e lo ha travolto

Una tragica fatalità. Nessuno riesce a spiegarsi ancora cosa possa essere accaduto mercoledì sera, alle sette e mezza, nel giardino di quella villa a Grottaferrata. Un incidente tra due macchine che apparentemente dovevano essere ferme, parcheggiate. Ma che improvvisamente si scontrano, uccidendo Giacomo Venuti, un bambino di soli sette anni. Giacomo stava giocando in giardino, nella casa dei nonni materni, una villa che la famiglia abitualmente usa per le vacanze estive. Dove il piccolo aveva trascorso gran parte della sua estate. Sono le sette. La madre di Giacomo torna da una commissione e parcheggia la macchina, una Smart, davanti a quella del marito. Il gioco porta il bimbo davanti alla Smart che improvvisamente si muove, lo travolge e va a sbattere sulla Toyota Corolla del padre, anch’essa parcheggiata e che in quel momento un domestico sta lavando. Il bambino viene schiacciato tra le due auto. Proprio all’altezza del cranio. Giacomo viene immediatamente soccorso dal domestico e dai genitori che escono dall’interno della casa. Ma non c’è niente da fare. Troppo grave il trauma cranico in seguito alla botta. Giacomo è morto nell’ospedale di Frascati subito dopo il ricovero. Al momento i carabinieri di Frascati, che stanno lavorando sul caso, pensano si sia trattato di una tragica fatalità. Non emergono infatti responsabilità nei confronti dei genitori del bambino. Le auto, la Smart e la Toyota Corolla, sono state sequestrate dalle forze dell’ordine che stanno cercando di ricostruire la dinamica dell’incidente. La sezione rilievi scientifici del nucleo operativo di Frascati dovrà fare accertamenti per capire come abbia fatto la Smart a mettersi in moto nonostante il freno a mano inserito. I carabinieri hanno ascoltato nella mattina di ieri tutte le persone presenti nella villa al momento dell’incidente.