Buche sulle strade, boom di incidenti E' record ricorsi: aumentati del 45%

I sinistri nel 2009 sono passati da 1.388 a 1.900. I giudici di pace:
888 cause in un anno, forte aumento nel 2010. L’assessore Simini: "I
fondi per riasfaltare cresceranno dai soliti 12 milioni annui a 26. E
sistemeremo mille vie"

Sono aumentati gli incidenti sulle strade della città. A Milano il dato dei sinistri ha subito un forte aumento dal 2008 al 2009. L’altra novità è che il Comune ha pagato meno danni, e dal luglio del 2009 ha cambiato il sistema di gestione del contenzioso. Dunque i sinistri aumentano sensibilmente, i risarcimenti liquidati dal Comune invece risultano calati.
I dati sono questi: nel 2008 i sinistri con responsabilità civile verso terzi sono stati 2.295. L’anno successivo si è passati a 3.323 eventi. Nei primi sei mesi del 2010 il numero si è ridotto a 640 episodi. Questo in generale. Circoscrivendo gli episodi ai soli sinistri causati da buche sul manto stradale nel 2008 erano 1.388. Nei 12 mesi successivi si è passati a 1.900 episodi, in gran parte per danni a cose e non anche a persone. E nel 2010 finora si parla di 441 casi.
Il dato sull’aumento del contenzioso nel 2009 è confermato dall’ufficio del giudice di pace. Complessivamente sono state registrate 6mila cause dal gennaio 2009 al 30 giugno 2010. Ma il comprende sinistri in qualche modo legati ai milanesi, anche «in trasferta». Per ciò che concerne le buche si parla di 888 cause civili nel 2009. E risulterebbe un aumento sensibile nel 2010. Si parlerebbe di 1.200-1.300 casi nei primi mesi dell’anno.
Tornando al Comune e alle liquidazione del danno, molto è cambiato. La novità è che dal 1° luglio 2009 i sinistri per i danni a cose per importi fino a 10mila euro vengono gestiti direttamente dall’Ufficio Assicurazioni del Comune, in collaborazione con un privato. Questo per migliorare il controllo diretto dei rischi e dei sinistri - con individuazione delle misure preventive da adottare - ma anche per migliorare dell’immagine del Comune e ridurre il contenzioso.
Il totale liquidato nel 2008 ammontava a 3 milioni e 474mila euro, nel 2009 il dato è sceso a meno di due milioni. Anche limitando l’analisi ai sinistri causati da buche sul manto stradale si è passati da poco più di due milioni nel 2008 per 813 sinistri liquidati, a poco più di 450mila euro per 475 episodi liquidati, su un totale di 1.900 casi.
Intanto il premio è sempre più alto: era 3milioni e 855mila euro nel 2008. É diventato 3 milioni e 980mila euro nel 2009. Nel 2010 si sfiorano ancora i 4 milioni.
Intanto il Comune prova a arginare il fenomeno, ovviamente, anche attraverso la prevenzione. «L’unico modo serio e risolutivo per affrontare il problema delle buche - dice l’assessore competente, Bruno Simini - credo sia quello di riasfaltare le strade, perché una strada rimessa a nuovo da poco resiste alle intemperie e non forma solchi».
"Quest’anno - spiega Simini - abbiamo, quindi, previsto un sensibile aumento dei fondi destinati alla riasfaltature, che sono passati dai consueti 12 milioni che venivano stanziati annualmente a ben 26 milioni. Si tratta di impegni che riconfermeremo anche per l’anno prossimo, con l’obiettivo, in vista dell’appuntamento con l’Expo, di asfaltare mille strade all’anno intervenendo così, nei prossimi 4 anni, su tutte le 4.200 strade di Milano. Intendiamo, inoltre, introdurre delle tecnologie come gli asfalti drenanti e tiepidi, che consentono di estendere la stagionalità degli interventi con la sola esclusione dei 3 mesi più freddi, e dal prossimo inverno cominceremo ad affiancare al sale anche la sperimentazione di sostanze antigelo meno dannose per le nostre pavimentazioni".
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.